Un bio-termostato smart per migliorare il comfort delle abitazioni

    Messo a punto da un team italiano, il “biotermoregolatore” è un termostato smart in grado di calibrare il comfort delle case in base al benessere dell’utente

    biotermoregolatore(Rinnovabili.it) – “Vi è mai capitato di pensare che il termostato del vostro impianto non sia del tutto adatto per regolare correttamente il vostro comfort?”.

    E’ partendo da questa semplicissima domanda che un team di ricercatori italiani ha messo a punto il primo “biotermoregolatore” capace di gestire la temperatura degli ambienti interni calibrandola perfettamente sul vostro copro e sul reale comfort termico.

    Anche il più smart tra i termostati si limita unicamente a portare la temperatura della stanza alla temperatura prefissata senza però tenere in considerazione fattori come l’umidità o la pressione che, se sommati, ci permetterebbero di raggiungere il perfetto comfort.

     

    “Attualmente non siamo noi al centro della regolazione climatica di un ambiente ma, visto che impostiamo una temperatura fissa, il centro della regolazione è appunto la temperatura ambiente; noi più semplicemente ci dobbiamo adattare attivando involontariamente delle funzioni metaboliche interne al nostro corpo per correggere la differenza tra il nostro punto ottimale di Benessere Termoigrometrico e la temperatura impostata per l’ambiente”, continuano i ricercatori.

     

    Questa unica pratica utilizzata fino ad oggi per la gestione del comfort termico, comporta anche un problema legato al consumo energetico. Impostando la mia temperatura a 24°C mentre quella ideale in quel momento sarebbe 22°C, non faccio altro che obbligare il mio impianto a riscaldare la casa più del necessario, uno spreco inutile di energia ancora più consistente se moltiplicato per le migliaia di ambienti gestiti nello stesso modo, come uffici, case, scuole.

    Quest’energia sprecata si potrebbe recuperare se solo il termostato fosse in grado di valutare l’errore e di adattare automaticamente la regolazione, riducendo la temperatura ambiente e quindi la richiesta all’impianto termico.

    Brevettato come biotermoregolatore e biothermoregolation, il nuovo sistema al variare del microclima locale adatterà le proprie condizioni, garantendo sempre il giusto comfort termoigrometrico e la corretta efficienza energetica.

    Articolo precedenteConsumi elettrici domestici, il 54% italiani investe nel risparmio
    Articolo successivoCarenza d’acqua: 8 soluzioni per il futuro

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui