Una facciata intelligente per la “casa rotante” iraniana

    Per adattarsi alle caldi estati ed ai freddi inverni, la facciata intelligente della Sharifi-ha House è dotata di tre volumi in grado di ruotare su se stessi

    facciata intelligente per la casa rotante Iran

     

    (Rinnovabili.it) – Per ovviare alla notevole escursione termica tra le estati e gli inverni iraniani, i progettisti di Next Office hanno realizzato la Sharifi-ha House, una lussuosa casa dalla facciata intelligente.

     

    A seconda delle esigenze climatiche o al piacere dei suoi occupanti, le tre stanze principali della Sharifi-ha House sono infatti in grado di ruotare di 90° rispetto alla facciata, rivelando terrazze e vetrate durante l’estate o chiudendosi in un guscio protetto completamente schermato durante l’inverno.

    Come in molti casi simili, il progetto doveva fare i conti con un lotto stretto e lungo, che avrebbe limitato notevolmente lo sviluppo della facciata; per ovviare al problema i progettisti di Next Officie hanno pensato di puntare su una serie di volumi aggettanti sulla strada, che avrebbero permesso di sfruttare al meglio gli ambienti. La facciata intelligente della Sharifi-ha House nasce perciò da questo presupposto, puntando sulla flessibilità di tra volumi parallelepipedi centrali rispettivamente occupati da una sala per la colazione al primo piano, una camera al secondo piano e un ufficio al terzo piano.

     

    Durante le calde estati iraniane la facciata della Sharifi-ha House proietta i suoi volumi lignei verso la strada, lasciando posto ad una terrazza aperta; mentre quando il clima si fa più rigido, i volumi si chiudono su se stessi mostrando sul fronte strada una facciata compatta caratterizzata dal rivestimento in legno dei tre blocchi.

    Essendo un’abitazione destinata ad una serie di famiglie benestanti, gli interni ospitano i più svariati servizi, comprendendo anche una piscina al piano interrato. Il bianco delle pareti e le finiture lignee rendono le stanze ancora più luminose per sfruttare al massimo la luce naturale proveniente dall’ampio lucernario e superando così il problema dell’illuminazione legato alla forma del lotto.

    La rotazione dei tre volumi “speciali” è possibile granze a tre dischi motorizzati collocati tra una stanza e l’altra, molto simili agli impianti utilizzati per le scenografie teatrali.

    Articolo precedenteDiatomite, roccia alleata nella produzione di biodiesel
    Articolo successivoBiofuel dagli scarti del mais: aperto il primo impianto commerciale

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui