Carbon Manager, ovvero come guidare le aziende verso la sostenibilità

Il Carbon Manager è una nuova figura professionale che nasce per accompagnare le aziende nella transizione verso la sostenibilità. Rispettare l’ambiente conviene alle aziende perché diventano più competitive sul mercato e più apprezzate dai clienti

Image by Peter H from Pixabay

Rispettare l’ambiente conviene alle aziende

Il Carbon Manager è una nuova figura professionale che diventerà sempre più preziosa per le aziende che vogliono intraprendere il viaggio di sola andata verso la sostenibilità.

Già perché una volta che si è iniziato questo percorso non si deve tornare indietro, ma soprattutto non si vuole tornare indietro perché se ne trarranno benefici non solo per l’ambiente ma anche le aziende.

Chi è il Carbon Manager

A conti fatti, rispettare l’ambiente conviene alle aziende. Come afferma uno studio del Politecnico di Milano, l’aumento di un grado del riscaldamento globale può comportare per le aziende una diminuzione del fatturato del 5,8% annuo.

Il Carbon Manager è una figura professionale che nasce per accompagnare le aziende nella transizione verso la sostenibilità: misurare la propria impronta di carbonio, creare un processo virtuoso di riduzione delle emissioni, valutare soluzioni di compensazione effettiva, ottenere il rating ESG (Environmental, Social, Governance), preparare un bilancio di sostenibilità.

Si tratta di azioni che rendono l’azienda competitiva sul mercato e che i consumatori osservano con sempre maggiore attenzione.

Un corso di formazione specifico

Forever Bambù si dimostra ancora una volta spinta all’innovazione con l’ideazione di un percorso di formazione per i Carbon Manager: 55 moduli suddivisi in oltre 12 ore.

«Oggi non essere sostenibili significa anche faticare ad avere accesso al credito e ridurre le possibilità di essere tra i fornitori di aziende grandi o internazionali.

Ecco perché tra le competenze più richieste per i prossimi decenni, quelle che permettono di accompagnare le aziende a diventare pienamente green e ESG-compliant sono tra le più richieste e necessarie. Ma sono figure in fieri, non formate e spesso improvvisate.

Il Carbon Manager invece è un professionista completo grazie al nostro corso e il suo profilo sarà inserito in un elenco ufficiale per tutelare questa professione. L’Italia dimostra anche in questo una sua grande lungimiranza e anticipo dei tempi» spiega Emanuele Rissone, fondatore e presidente di Forever Bambù.

Forever Bambù, economia circolare e compensazione di CO2

Forever Bambù è nata nel 2014: la prima iniziativa 100% Made in Italy che recupera terreni abbandonati, li lavora e li piantuma con un esclusivo protocollo agroforestale biologico e simbiotico per trasformarli in foreste di bambù gigante.

È l’unica azienda del settore che ha certificato le proprie foreste per l’assorbimento di CO2 cedibile a imprese terze inquinanti.

Su questa specificità ha sviluppato un modello di economia circolare basato sulla compensazione della CO2 certificata e poi sull’utilizzo della biomassa per la bioedilizia e per la produzione di bioplastica.

Forever Bambù è Società Benefit dal 2021, riunendo 29 società agricole di cui 7 start up innovative per 250 ettari, piantumati con 198.000 piante, e la partecipazione di oltre 1.500 soci provenienti da tutta Europa.

Articolo precedenteLa plastica in agricoltura va ridotta, riusata e riciclata
Articolo successivoTestata con successo la prima turbina a idrogeno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Leave the field below empty!