Da discarica a foresta galleggiante: il Fish Tail Park insegna come recuperare le acque piovane

Dove prima c’era una discarica abbandonata ora c’è il Fish Tail Park, una foresta galleggiante che aiuta a recuperare le acque piovane a contrasto delle inondazioni monsoniche annuali

Recuperare acque piovane
Photo credit: Turenscape – per gentile concessione di V2com

Grazie all’ampliamento il lago è ora in grado di recuperare acqua piovana per 2 mln di metri cubi

(Rinnovabili.it) – Nella città di Nanchang nella Cina orientale, all’interno della pianura alluvionale del fiume Yangtze, un team di paesaggisti ed urbanisti ha trasformato una discarica abbandonata in una vera e propria foresta galleggiante, capace di recuperare le acque piovane gestendo al meglio le inondazioni dell’area.

Il risultato è un habitat perfetto per flora e fauna locale, ma anche un brano di città completamente a disposizione delle persone, per passeggiare immersi nel verde al sicuro. A firmare il progetto del Fish Tail Park è Turenscape.

Una foresta sull’acqua ispirata dagli aztechi

Essendo spesso soggetta a monsoni, la città cinese di Nanchang era alla ricerca di una soluzione per mantenere al sicuro i suoi abitanti senza rinunciare a questo immenso spazio alluvionale verde.

La soluzione ideata dai paesaggisti, che consente anche di recuperare le acque piovane, si ispira alle coltivazioni azteche dei Chinampas, ovvero i “giardini galleggianti”. Nel caso del Fish Tail Park si tratta di piccoli isolotti sparsi nel lago centrale e costruiti utilizzando una base di cenere di carbone mescolata al terriccio degli argini del lago.

Contemporaneamente il lago è stato ampliato per poter accogliere fino a due metri di innalzamento del livello dell’acqua: che tradotto equivale al poter recuperare acqua piovana per 1 milioni di mc.

Flora locale per recuperare le acque piovane

Photo credit: Turenscape – by v2com

La foresta galleggiante è composta da piante autoctone in grado di resistere alle frequenti e abbondanti piogge. Anche gli arbusti ed il sottostrato non sono casuali, ma scelti con cura per mantenere elevato il grado di permeabilità anche qiando le coste aride e fangose emergono lungo le sponde.

Leggi anche La fabbrica dell’acqua di Taiwan: la rigenerazione urbana che trasforma un problema in una risorsa

La foresta centrale sospesa sull’acqua, viene poi sommersa durante le inondazioni annuali, ma ma grazie ad una serie di passerelle sospese che attraversano il parco, i visitatori possono godere di scorci unici in molteplici momenti dell’anno. I bordi periferici dell’area e quelli limitrofi alla città sono studiati secondo terrazzamenti, per fare da “filtro” tra il parco e l’area urbana. Pur trovandosi a pochi passi da una città con oltre 2000 anni di storia, il design moderno del parco, gli arredi in alluminio riciclato facilmente lavabili e le torrette, permettono al Fish Tail Park di diventare anche un’attrazione turistica contemporanea. Il progetto è costato solo 4 dollari per piede quadrato.

Articolo precedenteAcquacoltura ed equilibrio degli ecosistemi acquatici
Articolo successivoIl Decreto Milleproroghe diventa legge: i differimenti per l’energia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui