L’architetto del futuro potrebbe essere una IA

Architetture organiche, grattacieli fatti di alghe, città che purificano l’aria, sono le immagini prodotte da software IA sempre più evoluti, che da semplici input di testo danno vita a scenari futuristici

Tra i software IA più conosciuti c’è MidJourney e DALL-E

(Rinnovabili.it) – In tutti i film distopici e fantascientifici che immaginano futuri più o meno probabili c’è sempre una Intelligenza Artificiale a capo di tutto. Ma oggi la realtà sta rapidamente raggiungendo la fantasia. Il mondo dei software dedicati a creare render sempre più realistici si è avvicinato al mondo dell’IA ed ha aperto la strada a sistemi come DALL-E e MidJourney, programmi “addestrati” a generare immagini iperealistiche partendo da descrizioni di testo. I più social si saranno certamente imbattuti in immagini di questo tipo, quasi sempre rintracciabili proprio con l’hastag di MidJourney.

Al di la del fascino che queste raffigurazioni possono avere, designer ed architetti si sono messi al lavoro per capire se questo sistema possa in qualche modo contribuire al miglioramento delle architetture e delle città del futuro.

Leggi anche ENEA sperimenta l’intelligenza artificiale per migliorare l’efficientamento degli edifici

Il risultato è ovviamente affascinante. Tra i più accreditati nomi in questo vasto panorama c’è Manas Bhatia, o anche Andrew Kudless con le particolarissime architetture fuse nei tronchi degli alberi. Servendosi dell’IA di MidJourney è riuscito ad immaginare città del futuro costellate da grattacieli biofili, architetture che purificano l’aria, o ancora edifici autogenerati dalle alghe. Per ottenere risultati soddisfacenti l’input viene inserito più e più volte con combinazioni di parole e immagini diverse. L’aspetto interessante è che, a differenza dei tradizionali software per render 3D, i programmi di IA sono in grado di “riempiere” gli spazi vuoti da soli.

Per il momento si tratta solo di suggerimenti visivi, tuttavia strumenti di questo tipo di fatto forniscono già un concept, superando la fase più complicata del processo creativo.

Dall’edificio alla pianificazione urbana

Così come è possibile servirsi del deep learning di una Intelligenza artificiale per creare architetture organiche, lo stesso concetto può essere impiegato per la pianificazione urbana. Anche in questo caso si tratta solo di stimoli visivi, ma dal grande effetto scenico. Una città caotica e grigia, viene rivitalizzata inserendo viali pedonali, spazi verdi rigogliosi, sistemi di trasporto puliti.

MidJourney ed i suoi fratelli sono ancora alle prime fasi, ma in molti (tra i quali anche Apple) si stanno già muovendo per riempieri il gap che separa il concept dell’immagine dalla sua trasformazione in progetto architettonico con tanto di piante e prospetti.

Per ora a dare l’input serve ancora l’intervento umano, ma chissà il futuro cosa ci riserverà.

Articolo precedenteProdurre energia elettrica dall’umidità con la batteria di stoffa
Articolo successivoProduzione biologica, consultazione sul Piano di azione nazionale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui