Come cambia Genova con l’Utopia Realizzabile del “Waterfront di Levante” firmato Piano

Un nuova Isola come quartiere, le prime residenze liguri certificate LEED Gold e NZEB, un’area ad alta sostenibilità, efficienza ed energia rinnovabile. Il progetto di RPBW per il Waterfront di Levante

waterfront di levante
waterfront di levante credits: RPBW

L’investimento previsto per realizzare Waterfront di Levante è di 350 milioni di euro

(Rinnovabili.it) – Ancora due anni e la città di Genova potrà vantare uno degli interventi di riqualificazione più grandi, reimmaginando il delicato confine tra terra e mare che da sempre contraddistingue questa città. Il progetto è “Utopia realizzabile” del Waterfront di Levante, donata dall’architetto Renzo Piano alla città. Circa 70.000 mq divisi in 4 lotti, per un progetto di rigenerazione urbana dell’ex- polo Fieristico che servirà anche e soprattutto, a riconnettere Città e porto antico, colmando il divario creatosi con lo sviluppo del dopoguerra.

Alla costruzione di Waterfront di Levante, sviluppato da RPBW – Renzo Piano Building Workshop e OBR, penserà CDS Holding, società di real estate che guiderà la cordata di costruttori.

Nel progetto, Piano permette al mare di “tornare protagonista”, diminuendo la la volumetria preesistente e dimezzando l’edificato, per puntare invece su spazi di qualità privati e pubblici. Tra residenze NZEB, verde pubblico, uffici, commercio e il Palasport rigenerato, il nuovo masterplan crea un nuovo polo di attrazione per la città come ponte tra mare e terra.

Il nuovo quartiere Isola e le residenze Nearly Zero

waterfront di levante Gli Scafi credits: RPBW

L’aspetto sicuramente più interessante di Waterfront di Levante è la creazione del nuovo Quartiere Isola. Nella sua realizzazione è impegnata direttamente l’Amministrazione comunale che prevede di sbancare circa 90mila mq di terreno, per creare al suo posto un canale interno tra il Palasport, il Padiglione Blu di Jean Nouvel e il Porto Antico. Sull’isola sorgeranno gli “scafi” le nuove residenze direttamente affacciate sul mare e progettate per rispettare l’approccio NZEB, Nearly Zero Energy Building.

Leggi anche Come dovrebbe essere un ospedale secondo Renzo Piano: i tre esempi in Grecia

Saranno i primi due edifici della Liguria ad essere certificati LEED, costruite con materiali di pregio ma rispettosi dell’ambiente, con ampie superfici vetrate per massimizzare la vista sul mare e l’illuminazione naturale. Dotate di accorgimenti domotici ed automazioni indispensabili per garantire comfort abbattendo i consumi.

Soluzioni green per garantire un futuro sostenibile

waterfront di levante credits: comune di Genova

Dietro le residenze nascerà un giardino da 16.000 mq, ma l’aspetto verde non sarà identificato solo nelle nuove aree pubbliche. Secondo i dettagli rivelati, Waterfront di Levante prevede soluzioni per il massimo risparmio energetico sfruttando tecnologie all’avanguardia. Oltre all’inserimento di ampie superfici coperte da pannelli fotovoltaici, verrà installato un sistema caldo/freddo talassotermico che sfrutta la differenza di temperatura tra superficie e profondità dell’acqua del mare per produrre energia elettrica. Ovviamente l’attenzione verrà posta anche alla mobilità sostenibile, offrendo punti di ricarica per i veicoli elettrici e soluzioni in sharing per il trasporto condiviso.

In occasione della presentazione del progetto si era parlato del 2024 come data di consegna e chiusura lavori, restiamo quindi in attesa di scoprire questa nuova Genova.

Articolo precedenteElettrificazione del trasporto pubblico, serve un cambio di paradigma
Articolo successivoABB investe nella startup climate tech Tallarna

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui