Maker Faire Rome 2020 – The European Edition, il successo dell’edizione digitale

Più di 100mila gli utenti unici solo nel canale main e oltre 600mila le pagine visualizzate

Maker Faire 2020 – Roma 11 Dicembre 2020.

Si è conclusa con un grande successo l’ottava edizione in versione digitale della “Maker Faire Rome – The European Edition”, l’evento europeo più importante dedicato all’innovazione, organizzato da Camera di Commercio di Roma attraverso la sua Azienda speciale Innova Camera.

Nelle giornate della manifestazione sono state 27 le ore di diretta televisiva del canale Main, 105 il picco delle dirette in contemporanea per un totale di 2.435 ore di dirette tra stand, talk e webinar.  Oltre 600mila le pagine visualizzate e 311 gli stand virtuali ricchi di idee, prototipi e progetti innovativi.

Leggi anche Maker Faire Rome 2020, ricostruiamo il mondo insieme

Più di 100mila utenti unici hanno seguito gli appuntamenti del palinsesto televisivo che sono stati trasmessi in streaming e hanno spaziato dall’agritech al foodtech, dal digital manufacturing alla robotica, dall’intelligenza artificiale alla mobilità, dall’economia circolare alla salute, dall’IoT al recycling fino alla data science, allo sportech e alla moda, oltre alle sezioni dedicate di Maker Art e Maker Music che hanno esplorato l’intersezione tra arti, musica, scienza e tecnologia.

“Era importante esserci e ci siamo stati – afferma il Presidente della Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti – di questo sono davvero orgoglioso. Anche questa edizione di Maker Faire Rome, la prima in formato digitale, è stata un successo e questo grazie soprattutto all’impegno e alla passione di tutti. Ci siamo rivolti alla tecnologia per risolvere un problema inatteso, quello dello stop agli eventi in presenza, e abbiamo trovato proprio nella rete digitale quegli strumenti per far sì che la manifestazione si svolgesse in modalità diverse ma rispettando l’anima della Maker Faire ovvero quella della condivisione di idee e progetti per un futuro migliore. Come in presenza, anche online, si è magicamente ricreato un ecosistema virtuoso tra maker, scuole, università, centri di ricerca e migliaia di appassionati all’insegna dell’innovazione alla portata di tutti. Ringrazio tutti i partner, pubblici e privati, che ci hanno sostenuto senza esitazione, rendendo possibile la realizzazione della Maker Faire Rome anche in questo travagliato 2020”.

Leggi anche MFR20: L’innovazione in agricoltura? Deve fare rima con sostenibilità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui