La tecnologia Led abbatte i costi e aumenta l’efficienza

Un team di scienziati della Florida University ha sviluppato una nuova tecnologia LED con una combinazione di materiali organici ed inorganici

La tecnologia Led abbatte i costi e aumenta l’efficienza

 

(Rinnovabili.it) – La tecnologia Led si è conquistata di diritto il primo posto nel futuro dell’illuminazione. Efficienti, di lunga durata e con bassissime richieste energetiche, i diodi ad emissione luminosa si stanno facendo progressivamente spazio nel settore dell’illuminotecnica. Non tutti i nodi però sono risolti. Uno di questi, forse il più importante, è quello relativo ai costi di fabbricazione che lievitano con il miglioramento delle prestazioni. Un aiuto in tal senso arriva in questi giorni dalla ricerca condotta all’interno della Florida State University. Qui un professore di ingegneria ha sviluppato un nuovo Led ad alta efficienza e basso costo che potrebbe contribuire ad eliminare le attuali barriere.

 

Si tratta di un’innovazione “potenzialmente in grado di rivoluzionare la tecnologia dell’illuminazione”, commenta lo stesso ricercatore Zhibin Yu. “In generale, il costo di dell’illuminazione a LED è ancora una grande preoccupazione. Il risparmio energetico ottenibile non bilancia perfettamente la spesa ma questo diodo potrebbe cambiare la situazione”. Yu ha sviluppato una combinazione di materiali organici ed inorganici: la star del progetto è la perovskite, cristallo che a seconda del design può assorbire o emettere luce.

 

Nel dettaglio il Led è formato da una pellicola sottile di ossido di perovskite e polietilene inserita tra uno strato di ossido di indio stagno e indio gallio. La struttura richiede una tensione inferiore per emettere luce e vanta un’alta luminosità. Ma ciò che rende davvero speciale questa tecnica è che il processo di produzione è molto più semplice rispetto al tradizionale processo di fabbricazione dei LED oggi esistenti sul mercato: la maggior parte dei diodi a emissione luminosa infatti, richiede quattro o cinque strati di materiale depositati uno sopra l’altro, mentre il nuovo LED ibrido necessita di solo uno strato di materiale completo e già dissolto, che può pertanto essere applicato come una vernice. I risultati della ricerca sono stati pubblicati in questi giorni sulla rivista scientifica Advanced materials.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui