Falck Renewables diventa Renantis

A seguito dell’acquisizione di Falck Renewables a febbraio 2022
la società diventa Renantis

Falck Renewables annuncia l’avvio del percorso di evoluzione del suo brand in Renantis. Si tratta di un nuovo capitolo per il Gruppo, a seguito dell’acquisizione – attraverso Green BidCo S.p.A. – da parte di investitori istituzionali, di cui J.P. Morgan Investment Management Inc. è advisor, e del successivo delisting della società.

leggi anche Obiettivi rinnovabili 2030, tra il dire e il fare c’è di mezzo un mare di occasione perse

La visione di Renantis

La nuova identità, che sancirà l’evoluzione di Falck Renewables in Renantis, è rappresentata da una chiara purpose: “Costruire un futuro migliore per tutti, potenziando la vita delle persone, con cura”. Il manifesto di Renantis evidenzia gli obiettivi chiave di questo nuovo capitolo, prendendo in considerazione i principali pilastri alla base del brand: cura, innovazione, diversity ed efficacia.

Un nuovo capitolo

Il progetto di rebranding è stato sviluppato attraverso un processo bottom-up, che ha coinvolto stakeholder interni ed esterni, con l’obiettivo di far convivere all’interno del marchio i valori fondanti del Gruppo, riconosciuti da tutti. Renantis si presenta con un’identità visiva fresca, un design rassicurante, caratterizzato da colori caldi e vicini alla natura. ‘Renantis’ è una parola astratta che si ispira al termine latino ‘renovare’, che significa ‘rinnovare’. Il design del logo rispecchia i valori intrinseci al Gruppo, con la sostenibilità al centro. “Renantis si sviluppa sulle fondamenta di Falck Renewables come protagonista della transizione energetica globale, rafforzando l’impegno del Gruppo nel creare un futuro migliore per tutti”, afferma l’Amministratore Delegato Toni Volpe. “Il nuovo brand Renantis rappresenta la nostra capacità di generare un impatto positivo sul Pianeta, attraverso il nostro approccio caratterizzato dalla cura che abbiamo per territori, ambiente e persone. Raggiungeremo questo obiettivo grazie alla collaborazione tra colleghi e stakeholder esterni per una crescita concreta, significativa e solida”.
“Siamo orgogliosi di annunciare questo cambio di identità a Key Energy 2022. La fiera – uno dei più grandi eventi italiani legati al mondo dell’energia – ci ha scelti come Energy Transition Ambassador dell’evento. Diamo valore a questo ruolo grazie alla nostra esperienza nelle rinnovabili, unita a un approccio orientato al futuro”, conclude Toni Volpe.

leggi anche Le ricadute economiche e occupazionali delle rinnovabili italiane

Falck Renewables – che presto diventerà Renantis – sviluppa, progetta, costruisce e gestisce impianti di produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili con una capacità installata di 1.420 MW nel Regno Unito, Italia, Stati Uniti, Spagna, Francia, Norvegia e Svezia, generati da fonti eoliche, solari, WtE e da biomasse. Il Gruppo è un player internazionale nella consulenza tecnica per l’energia rinnovabile e nella gestione di asset di terzi, attraverso la propria controllata Vector Renewables, che fornisce i servizi a clienti per una capacità installata complessiva di circa 5.300 MW, grazie a un’esperienza maturata in più di 40 Paesi. Inoltre, il Gruppo fornisce servizi altamente specializzati di energy management e downstream sia a produttori di energia sia a consumatori.

Articolo precedentePasta fresca, prolungare la conservazione combatte lo spreco
Articolo successivoTerna: dalla BEI finanziamento da 1,9 miliardi di euro per il Tyrrhenian Link

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui