Le soluzioni di Resideo: una scelta smart per ridurre costi e consumi

Con l’estate alle porte, la domotica si conferma la soluzione ideale per ridurre i consumi energetici delle famiglie. Resideo propone prodotti innovativi per rendere la casa efficiente e sempre più smart.

resideo
via depositphotos.com

Resideo Technologies Inc., società leader nello sviluppo di soluzioni per il comfort e la sicurezza domestica, fa il punto sulla diffusione della domotica in Italia, in un contesto di forte aumento e volatilità dei prezzi dell’energia date da uno scenario internazionale incerto e con ricadute pesanti per i costi in bolletta delle famiglie italiane. Nel residenziale privato, infatti, secondo recenti stime di ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), una famiglia di media sostiene un consumo annuo di 2.700 kWh per alimentare l’impianto termico ed elettrico, per un costo in bolletta di circa 1200,00€ per anno.

La domotica può essere infatti la soluzione ideale per venire incontro ai consumi di famiglie e imprese. A certificarlo, lo scorso 6 maggio, le “Linee Guida” sul risparmio energetico presentate alla Camera dei Deputati dalla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) e da Consumerismo.

Domotica: una scelta “smart”

L’adozione di un sistema di domotica per il risparmio energetico, si legge nella prima delle “Linee Guida” presentate da SIMA e Consumerismo, consente di ottimizzare la gestione e regolazione degli impianti elettrici e di raggiungere un risparmio stimato nell’ordine del 30-40%. Se si sceglie, poi, un sistema completo dotato di sensori intelligenti e collegato agli utilizzatori elettrici, il risparmio energetico può raggiungere anche il 50-60%. Una scelta, quella di una casa connessa e intelligente, fatta propria da un numero crescente di italiani, come segnalato dall’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano. Il mercato, nel biennio 2020-2021, è cresciuto infatti del +29%, arrivando a toccare, nel 2021, il valore di 650 milioni di euro. Ancora pochi, se confrontati con Paesi europei come Gran Bretagna (4 miliardi) o Germania (3.9 miliardi).

Se rimangono dunque ampi margini di crescita in Italia per la domotica, aumenta tra gli italiani la consapevolezza dei benefici di una casa intelligente. La conferma arriva da una recente indagine di Altroconsumo: il 72% del campione preso in esame ritiene le funzionalità intelligenti utili per controllare, in particolare, gli ambienti interni all’abitazione ma anche per gestire gli impianti -da remoto- di luce e riscaldamento/raffrescamento.

leggi anche 14 consigli per ridurre i consumi estivi

Le soluzioni di Resideo

Comprare un prodotto smart per la casa, insomma, offre significative opportunità̀ di risparmio sulla bolletta energetica. Uno dei dispositivi più utili in tal senso è il termostato intelligente, che permette di ottimizzare l’uso del nostro impianto di riscaldamento/raffrescamento e di ridurre gli sprechi, ad esempio programmandone il funzionamento solo in determinati momenti della giornata, gestendolo anche da remoto con lo smartphone e monitorandone i consumi – per capire come ridurre gli sprechi e intervenendo di conseguenza.

Resideo, ad esempio, propone sistema a regolazione a zona evohome Honeywell Home, che permette di programmare temperature diverse per ogni ambiente e in qualsiasi momento della giornata, raggiungendo il massimo livello di comfort e la massima efficienza energetica, grazie al controllo da remoto. 

Il sistema di regolazione evohome viene configurato in base alle caratteristiche specifiche di ogni impianto e garantisce un risparmio, nei costi, fino al 40% in termini di costi di riscaldamento e raffrescamento.  Il sistema è comodo e facile da installare e utilizzare: l’installazione viene effettuata senza opere o cavi, mentre il touch screen e l’app Total Connect Comfort, disponibile per iOS e Android gratuitamente, ne permettono un utilizzo immediato e intuitivo. 

Articolo precedenteEridania: la sostenibilità corre su rotaia
Articolo successivoLa Grecia approva la sua legge Clima: -80% di CO2 al 2040, basta carbone fra 6 anni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui