Trasporto aereo a zero emissioni, 200 aeroporti firmano la Dichiarazione di Tolosa

Sono 77 i gestori aeroportuali europei – in rappresentanza di 250 scali – che hanno firmato la Toulosuse Declaration per il trasporto aereo a zero emissioni. L’Italia presente con Assaeroporti e 9 società di gestione

Dichiarazione di Tolosa
via Pixabay

(Rinnovabili.it) – Nuovi passi avanti verso l’obiettivo del trasporto aereo a zero emissioni. La presidenza francese del Consiglio UE ha lanciato oggi la Toulouse Declaration (Dichiarazione di Tolosa), prima iniziativa pubblico-privata a sostegno dell’obiettivo di decarbonizzazione dell’aviazione europea. Ossia, raggiungere il “net zero” entro la metà del secolo.

Il lancio è avvenuto in occasione dell’Aviation Summit europeo in corso oggi, per l’appunto, nella cittadina francese di Tolosa. E ha già raccolto l’approvazione di 77 società e associazioni aeroportuali. L’obiettivo? Promuovere l’adozione di un obiettivo a lungo termine per la decarbonizzazione del settore aeronautico durante l’assemblea dell’Organizzazione per l’Aviazione Civile Internazionale (ICAO) nell’autunno del 2022. E sostenere un paniere di misure e traguardi intermedi efficaci e ambiziosi, per accelerare la transizione del settore dell’aviazione verso le zero emissioni 2050. Misure come il miglioramento della tecnologia aeronautica, delle operazioni aere o dell’uso di carburanti. Ma anche strumenti basati sul mercato, accompagnati da un tabella di marcia settoriale. Senza mai togliere gli occhi  dalla dimensione sociale della transizione.

leggi anche Gli aerei a idrogeno liquido? Dal 2035 saranno realtà

Ogni aeroporto che sottoscrive questa Dichiarazione sta facendo una differenza tangibile per il nostro futuro come industria, come economia e come società”, ha commentato Olivier Jankovec, direttore generale di ACI Europe, associazione che rappresenta più di 500 scali in 55 paesi, e tra i primi firmatari dell’atto. 

Per l’Italia, la Dichiarazione di Tolosa è stata sostenuta da Assaeroporti, l’Associazione italiana dei gestori aeroportuali. Tra le società ad essa associate, è stata sottoscritta da Aeroporto di Bologna, GESAC (aeroporti di Napoli e Salerno), GESAP (aeroporto di Palermo), SACBO (aeroporto di Bergamo), SAGAT (aeroporto di Torino) e SEA (aeroporti di Milano Linate e Malpensa).

In aggiunta anche da Aeroporti di Roma, Aeroporto di Bologna e Gruppo SAVE (lo scalo di Venezia). 

“Continuando a dimostrare ambizione, visione ed eccellenza nelle loro azioni sostenibili. Ammiro e applaudo ognuno di loro“, ha aggiunto Carlo Borgomeo, presidente di Assaeroporti. “Assaeroporti è orgogliosa di aver sostenuto questo accordo fortemente innovativo che imprimerà un’accelerazione alla decarbonizzazione di un settore già da anni impegnato in progetti per la piena sostenibilità e la transizione green. Siamo infatti di fronte a un passo decisivo per il raggiungimento degli obiettivi di NetZero 2050. Per i gestori aeroportuali italiani il Green Deal europeo non è una moda, né un vincolo: è la nostra strategia di sviluppo”. 

Articolo precedenteAumento bollette 2022, i dubbi dei tecnici su Sostegni-ter
Articolo successivoSicurezza cantieri e bonus: in arrivo nuove norme sui contratti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui