Arriva dal metabolismo dei batteri il biodiesel per alimentare i jet

I ricercatori della Lawrence Berkeley Lab hanno sfruttato il processo metabolico di comuni batteri presenti nel suolo, per ottenere una molecola utile alla produzione di un particolare biodiesel

Estratto di -Jawsamycin Credits: Pablo Morales-Cruz

Il ciclopropano contenuto nella molecola ha densità di energia superiore ai carburanti per razzi tradizionali

(Rinnovabili.it) – E se per alimentare gli aerei con biodiesel bastasse sfruttare il processo metabolico di comuni batteri del suolo? Dalla ricerca condotta dagli scienziati del Lawrence Berkeley Lab e recentemente pubblicata sulla rivista Joule sembrerebbe possibile.

“In chimica, tutto ciò che richiede energia per essere prodotto rilascerà energia quando si rompe”, sottolinea uno degli autori principali della ricerca, Pablo Cruz-Morales, microbiologo presso DTU Biosustain dell’Università tecnica della Danimarca, coinvolto nella ricerca dall’ingegnere Jay Keasling della Berkeley.

La molecola prescelta da Keasling per avviare questo processo è stata chiamata curiosamente Jawsamycin, in onore del film di Spielberg “Jaws” ed a causa delle rientranze simili a dei morsi. Questa viene generata da comuni batteri streptomyces presenti nel suolo. Man mano che questi microorganismi mangiano glucosio o amminoacidi, li scompongono e li convertono in mattoni per i legami carbonio-carbonio, creando la molecola sopracitata appunto. Un processo molto simile a quello impiegato dal nostro corpo per produrre il grasso. “Ma questo processo batterico ha alcuni colpi di scena” sottolinea Cruz-Morales. Il risultato è infatti una molecola contenente anelli di ciclopropano, ed il carburante prodotto da questi batteri sarebbe molto simile al biodiesel.

biodiesel
I batteri streptomyces che producono le molecole contenenti ciclopropano. Credits: Pablo Morales-Cruz

Dovrebbe essere trattato in modo che possa accendersi a temperature inferiori rispetto a quella necessaria per bruciare acido grasso. Nonostante ciò, una volta acceso, sarebbe sufficientemente potente da alimentare un razzo spaziale, affermano i ricercatori.

Leggi anche Aviazione: l’e-korosene potrebbe abbattere 5 mln di tonnellate di CO2 entro il 2030

Se riuscissimo a produrre questo carburante con la biologia, non ci sarebbero più scuse per farlo con il petrolio”, afferma Cruz-Morales, aprendo effettivamente la strada a carburanti alternativi anche per aerei e jet.

La speranza del team di ricerca della Berkeley sono di arrivare ad aumentare il processo di produzione di questo particolare biodiesel, sostituendo efficacemente il carburante fossile solitamente impiegato per alimentare agli aerei. “Ci stiamo preparando al momento in cui esauriremo i combustibili fossili e arriverà un punto, non lontano da ora, in cui avremo bisogno di soluzioni alternative”, prosegue Cruz-Morales.

Articolo precedenteFestambiente: consegnato il Premio Ambiente e Legalità a chi combatte i “Ladri di futuro”
Articolo successivoUn impianto di metanolo e idrogeno circolare per Empoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui