Il primo volo USA-Australia alimentato con biocarburante aereo

Per la prima  volta al mondo un aereo di linea ha percorso le 15 ore di volo da Los Angeles a Melbourne con un pieno a base semi di senape

biocarburante aereo

 

Si testa il biocarburante aereo alla senape per sorvolare il Pacifico

(Rinnovabili.it) – Il 30 gennaio 2017 è una di quelle date da ricordare per il mondo dell’aviazione: per la prima volta nella storia, un volo da Los Angeles a Melbourne è stato alimento con biocarburante aereo. Il velivolo, un Boeing Dreamliner 787-9 della Quantas, la compagnia di bandiera dell’Australia, ha compiuto le 15 ore di viaggio bruciando una miscela che conteneva il 10% di biofuel ottenuto dalla brassica carinata, chiamata anche senape abissina.

 

L’uso ai fini energetici di questa pianta è stato studiato fin dai primi anni del 2000. Si tratta di una specie autoctona degli altipiani etiopici, ampiamente utilizzata come fonte alimentare e in grado di crescere in condizioni avverse (terreni argillosi e sabbiosi e in clima temperato semi-arido). Il biodiesel, prodotto dalla transesterificazione dell’olio estratto dai semi, possiede proprietà fisico-chimiche che lo rendono adatto all’uso come carburante. Rispetto al normale fuel jet, il biocarburante aereo ottenuto dalla carinata riduce le emissioni del 7%, ma il taglio diventa dell’80% se si considera l’intero ciclo di vita. Tuttavia, come tutti i biocombustibili di prima generazione, si scontra con pratiche non sempre sostenibili, con il rischio di dirottare spazi precedentemente destinati alla filiera alimentare, alla produzione energetica.

 

Non mancano, però, i sostenitori come Daniel Tan, esperto di agricoltura dell’Università di Sydney, secondo cui i semi di senape potrebbero rappresentare un’ottima fonte di combustibile per gli stessi agricoltori. “Quasi un giorno dopo la raccolta, possono portare l’olio nel proprio capanno e usarlo direttamente nei loro trattori […] Possono coltivare i semi di senape tra le colture di grano, ogni secondo o terzo anno, ottenere l’olio e usarlo localmente o venderlo per l’uso come carburante per aerei”.

 

Un ettaro di coltura può essere utilizzato per produrre 400 litri di carburante per aviazione o 1.400 litri di diesel rinnovabile. L’esperimento della Qantas, che dovrebbe divenire la norma entro il 2020 nella tratta Los Angeles/Melbourne, ha in realtà alle spalle altri successi testati in patria. Nel 2012, la compagnia assieme alla Jetstar ha sperimentato i primi voli a base di biocarburanti domestici sui cieli australiani con miscele composte al 50% da olio da cucina usato. Tra i piani futuri della società, anche quello di una bioraffineria nazionale per la produzione di biocombustibile aereo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui