Un’imbarcazione fotovoltaica vigilerà sulla Grande Barriera Corallina

Il catamarano verrà impiegato come vigilante mobile delle acque della barriera. Per renderlo la scelta numero uno nel pattugliamento di un ecosistema così delicato è stato dotato di un grande modulo solare

Un'imbarcazione fotovoltaica vigilerà sulla Grande Barriera Corallina(Rinnovabili.it) – Un nuovo catamarano ecocompatibile aiuterà il Governo australiano a proteggere i 2.600 km della Grande Barriera Corallina concedendo alla sua flotta un momento di lussuoso relax. L’innovativo concept, che dovrebbe solcare le acque del Pacifico nel 2014, è la punta di diamante di un progetto portato avanti dall’Autorità del Parco Marino del reef e dal Dipartimento dei Parchi nazionali australiano, le due entità che gestiscono oggi questo patrimonio Unesco e che avevano lanciato una bando di gara per trovare la nuova “sentinella galleggiante”.

 

A vincere il concorso è stato il Catamaran Patrol Vessel (CPV), imbarcazione dotata di un cuore tecnologico verde e disegnata e realizzata da Incat Crowther e Marine Engineering Consultants. Il catamarano verrà impiegato come vigilante mobile delle acque della barriera ed è stato appositamente progettato per ospitare un equipaggio di 12 persone, una piattaforma per il lancio di un gommone, diverse postazioni di lavoro informatizzate e addirittura un barbecue. Per renderlo la scelta numero uno nel pattugliamento di un ecosistema così delicato e prezioso come la Grande Barriera Corallina, l’imbarcazione è stata dotata di un grande modulo solare a copertura della struttura che caricherà una batteria agli ioni di litio. L’alimentazione solare potrà essere alternata con quella a diesel in caso di necessità. Due motori tradizionali infatti permettono al catamarano di ottenere l’energia di back-up o di ricaricare la batteria nelle giornate nuvolose.