Volkswagen e Bosch, accordo per i sistemi di guida autonoma

Le due aziende hanno deciso di finanziare la creazione di sistemi di guida autonoma, che saliranno a bordo delle auto VW nel corso del 2023. In futuro, il sistema sarà utilizzato anche da altri costruttori

sistemi di guida autonoma
via depositphotos.com

di Andrea Barbieri Carones

Sistemi di guida autonoma, obiettivo finale: livello 4

(Rinnovabili.it) – Volkswagen e Bosch hanno siglato un accordo per lo sviluppo di sistemi di guida autonoma per auto. In una nota comune le due aziende (VW era presente con la sua società di software sussidiaria, Cariad) hanno comunicato che l’obiettivo è di lanciare il prodotto a partire dal 2023.

Nel dettaglio, le due realtà collaboreranno per rendere la guida “parzialmente automatizzata” adatta alla produzione in serie e quindi ala vendita sul mercato. Per i veicoli venduti con i marchi del Gruppo Volkswagen, l’alleanza renderà disponibili funzioni che consentiranno ai conducenti di togliere temporaneamente le mani dal volante. A partire da sistemi hands free di livello 2 per la guida urbana, extraurbana e autostradale, e un programma che riprende tutte le funzioni di guida in autostrada (SAE livello 3).

leggi anche FuturEmobility, anatomia della sfida elettrica

La guida autonoma, vale la pena di ricordarlo, è stata internazionalmente divisa in 5 livelli, con un grado crescente di autonomia da 1 a 5.

Livello 1: chi è al volante riceve assistenza software sotto forma di alert visivi o acustici sulla presenza di situazioni di pericolo o di condizioni avverse. Il conducente ha la totale e piena responsabilità della guida.

Livello 2: automazione è parziale. Durante la guida, il conducente viene assistito dal software, che interviene su accelerazione e frenata attraverso sistemi di sicurezza anticollisione. In determinati scenari con segnaletica orizzontale ben visibile, il software interviene anche sullo sterzo.

Il livello 3 è definito “Automazione condizionata”. L’automobile è in grado di gestire la guida in condizioni ambientali ordinarie. Gestisce accelerazione, frenata e sterzo, mentre il guidatore interviene in situazioni problematiche in caso di richiesta del sistema. O se lui stesso verifichi condizioni avverse.

Il livello 4 è di “Alta automazione”. In questo caso non è richiesto l’intervento del pilota dato che il mezzo può procedere in autonomia. Chi è al volante può decidere, in qualunque momento, di riprendere il pieno e totale controllo del veicolo.

Livello 5: completa automazione.

Leggi anche FuturEmobility presenta le sfide della mobilità sostenibile

Per creare questi programmi è giocoforza l’alleanza tra aziende, in modo da condividere le spese. Alla fine, le auto saranno equipaggiate con software di livello 2, con possibilità di arrivare al livello 3 anche se il “sogno proibito” è di arrivare al livello 4.

Se inizialmente il frutto di questa partnership salirà a bordo solo delle auto Volkswagen, in futuro potrebbe essere montato anche su vetture di altre marche.

Articolo precedenteLa rivoluzione della mobilità elettrica: i territori protagonisti a FuturEmobility
Articolo successivoBayWa r.e. si espande in Italia con l’acquisizione di Renam

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui