GM cambia la chimica delle batterie per fare 725 km con una ricarica

La società annuncia nuovi investimenti nel segmento elettrico e rivela: il prezzo dei suoi veicoli con la spina raggiungerà la parità con quelli alimentati a benzina entro cinque anni

Gm
Credits: Steve Fecht per General Motors

30 modelli di EV per il 2025 basati sulle nuove batterie Ultium di GM

(Rinnovabili.it) – La General Motors (GM) rincara la dose nel segmento elettrico. Dal palco virtuale della conferenza Barclays Global Automotive, la CEO e presidente Mary Barra ha rivelato che la società porterà sul mercato globale 30 nuovi modelli full electric entro il 2025. Un’offerta a cui si aggiungerà, per la stessa data, un impegno finanziario da 27 miliardi di dollari a favore dei mezzi con la spina e dei veicoli autonomi. Gli investimenti, sottolinea la società, sono addirittura stati rivisti al rialzo rispetto alle risorse pianificate in epoca pre COVID-19.

“Il cambiamento climatico è reale e vogliamo essere parte della soluzione dotando tutti di un veicolo elettrico”, ha affermato Barra. “Possiamo accelerare i nostri piani sugli EV (electric vehicles) perché stiamo rapidamente costruendo un vantaggio competitivo nelle batterie, nel software, nell’integrazione dei mezzi, nella produzione e nell’esperienza del cliente”.

Leggi anche Arriva CHAdeMO 3.0, per una ricarica veicoli elettrici ad oltre 500 kW

E fare la differenza nella nuova offerta GM sarà proprio l’accumulo. I modelli in fase di sviluppo saranno dotati delle speciali batterie Ultium, create in JV con LG Chem. A differenza della classica tecnologia a ioni di litio, le nuove celle utilizzano una chimica proprietaria a basso contenuto di cobalto e un design unico che consente una maggiore densità di energia, utilizzando meno materiale “non attivo”. A ciò si aggiungono nuovi elettroliti e il primo utilizzo di anodi al litio metallico. Inoltre la progettazione ha permesso di raggiungere una miglior integrazione tra veicoli e batterie, consentendo un minor numero di moduli che possono essere impilati verticalmente o orizzontalmente. Le opzioni energetiche Ultium vanno da 50 a 200 kWh, il che potrebbe consentire un’autonomia di 720 km o più con una carica completa. Fornendo un’accelerazione da 0 a 100 in soli 3 secondi.

Leggi anche Auto elettriche GM, una nuova piattaforma modulare per battere Tesla

La società sta già testando i primi prototipi con l’idea di raggiungere il mercato per metà del decenni. Secondo GM la tecnologia Ultium dovrebbe avvicinare i veicoli elettrici al prezzo dei mezzi alimentati a benzina. “I tempi di sviluppo [..] stanno accelerando e i costi stanno diminuendo rapidamente. Ci aspettiamo che i nostri programmi Ultium EV siano redditizi dalla prima generazione in poi”, ha affermato Doug Parks, vicepresidente esecutivo di Global Product Development, Purchasing and Supply Chain. “Non sono solo costi e prestazioni a darci un vantaggio competitivo in questo settore in rapida evoluzione, ma anche il modo in cui li integriamo con altri sistemi avanzati come il Super Cruise, la nostra nuova piattaforma elettronica e digitale per i veicoli e altre tecnologie d’avanguardia”.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui