• Articolo Milano, 15 maggio 2012
  • Un Convegno organizzato da CCPB

    CCPB: le agro-filiere non hanno più segreti

  • CCPB ha presentato stamane a Milano il nuovo modello di certificazione per il calcolo degli impatti ambientali nelle filiere agroalimentari ed agroenergetiche

(Rinnovabili.it)  – E’ stato presentato stamane a Milano dal CCPB, organismo di controllo e certificazione, un nuovo modello di certificazione per il calcolo degli impatti ambientali nelle filiere agroalimentari ed agroenergetiche. Un nuovo servizio che permetterà alle aziende di ottenere le informazioni necessarie a procedere con l’ottimizzazione dei processi produttivi al fine di ridurre i consumi energetici e lo spreco di acqua e risorse. Sono stati per questo fissati dei parametri universali che serviranno per il riconoscimento dell’impatto ambientale delle filiere agroalimentari ed agroenergetiche, ottenuto servendosi della metodologia LCA (Ciclo di Vita del Prodotto). Attraverso l’analisi dei processi è infatti possibile determinare il consumo energetico all’origine senza sottovalutare gli elementi di variabilità agro-climatica caratteristici della produzione primaria. Grazie all’utilizzo di tali metodologie si potranno quindi individuare i punti deboli della catena permettendo l’intervento repentino per l’ottimizzazione dei consumi e la riduzione degli sprechi anche al fine di migliorare il prodotto finito.

“Attualmente non esiste un modello di certificazione specifico e universalmente riconosciuto per il calcolo degli impatti ambientali dei prodotti del comparto agroalimentare – osserva Fabrizio Piva, Amministratore Delegato di CCPB srl – Quando parliamo di impatti intendiamo 10 categorie fra le quali le emissioni in gas serra, il consumo idrico, l’uso del suolo, il potenziale acidificante ed eutrofizzante dell’acqua e l’incidenza della quota di energia da fonti rinnovabili sul totale dell’energia utilizzata. Per questo intendiamo offrire una metodologia condivisa che si pone l’obiettivo da un lato di fornire alle aziende indicazioni precise su come ottimizzare i processi produttivi, dall’altro di giungere al consumatore finale con una comunicazione chiara e trasparente”.

Un servizio, ha specificato CCPB, che oltre a garantire il controllo dei consumi e la riduzione delle emissioni inquinanti si offre come mezzo di valorizzazione aziendale e come spunto per il settore marketing che, giocando sulla sostenibilità e sulla diminuzione dell’impronta ecologica, può avvicinare i consumatori agli acquisti ecosostenibili. A beneficiare dei vantaggi di una certificazione della filiera saranno infatti non solo le aziende, ma anche i consumatori, sempre più attenti al ruolo dei propri acquisti nella salvaguardia ambientale.

“Sempre più, accanto alle informazioni circa l’origine, le caratteristiche funzionali, i valori nutrizionali ed il prezzo, il cittadino-consumatore e le strutture della società civile vorranno conoscere il livello degli impatti ambientali generato dai prodotti e dai loro processi – spiega Piva-. Obiettivo finale di questo nuovo servizio di certificazione, quindi, consiste nel ri-orientare i processi produttivi tramite il coinvolgimento del mercato e dei consumatori, fornendo quelle informazioni che consentono di comprendere se il prodotto si colloca al di sotto di una determinata soglia di impatto e contribuisce a rispettare gli equilibri ambientali che consentono la “capitalizzazione” futura delle risorse ambientali a sostegno dei cicli produttivi futuri. Questo apre nuovi scenari nel settore agroalimentare ed un maggior coinvolgimento dei grandi player, sia in ambito agroindustriale che nella GDO. Tutte le recenti ricerche, infatti, dimostrano come il consumatore sia sempre più sensibile alle tematiche della sostenibilità e questa caratteristica è sempre più determinante nella scelta finale di acquisto”.