• Articolo Friburgo, 24 febbraio 2015
  • Pubblicato il report “Current and Future Cost of Photovoltaics”

    Il fotovoltaico può essere più economico di carbone e gas nel 2025

  • Entro 10 anni il costo di produzione in Europa centrale e meridionale sarà sceso tra 4 e 6 centesimi per kWh ed nel 2050 subirà un ulteriore calo assestandosi tra i 2 a 4 centesimi

Il fotovoltaico può essere più economico di carbone e gas nel 2025

 

(Rinnovabili.it) – L’energia solare potrebbe essere economicamente più conveniente di quella ottenuta da carbone e gas già entro il 2025 nelle regioni più soleggiate. Questa la conclusione di uno studio redatto dall’ISE dell’Istituto Fraunhofer e pubblicato a solo un giorno dalla presentazione dell’Unione Energetica Europea. Mentre Bruxelles rende le proprie politiche energetiche sempre più distanti dal supporto alle fonti rinnovabili, i ricercatori del celebre centro scientifico tedesco affrontano da vicino il futuro del fotovoltaico. Secondo il report, intitolato “Current and Future Cost of Photovoltaics” e commissionato da Agora Energiewende, in pochi anni gli impianti solari forniranno l’energia più economica ottenibile in molte parti del mondo. Entro il 2025, il costo di produzione in Europa centrale e meridionale sarà sceso tra i 4 e i 6 centesimi per chilowattora e per il 2050 subirà un ulteriore calo assestandosi tra i 2 a 4 centesimi per chilowattora.

 

Troppo rosee queste previsioni? Gli autori ci tengono a spiegare di aver utilizzato solo ipotesi prudenti in merito agli sviluppi tecnologici previsti per l’energia solare. E in realtà il fotovoltaico risulta conveniente già oggi: nel deserto di Dubai è stato firmato di recente un contratto di acquisto a lungo termine per l’energia solare ad un prezzo di 5 centesimi per chilowattora, mentre in Germania i grandi impianti solari forniscono elettricità anche sotto i 9 centesimi. In confronto, l’elettricità da carbone e da nuove centrali a gas costa tra i 5 e 10 centesimi per chilowattora e quella nucleare 11 centesimi. “Lo studio dimostra che l’energia solare ha aumentato la sua economicità molto più velocemente di quanto la maggior parte degli esperti avevano previsto”, spiega Patrick Graichen, Direttore di Agorà Energiewende. “I piani per i futuri sistemi di alimentazione dovrebbero pertanto essere rivisti. Fino ad ora, la maggior parte di essi inseriva solo una piccola quota di energia solare nel mix. In considerazione dei costi estremamente vantaggiosi, dovrebbe però svolgere un ruolo di primo piano, insieme con l’energia eolica – anche, e soprattutto, come misura low cost per contribuire alla protezione del clima internazionale”.

2 Commenti

  1. Rinaldo Sorgenti
    Posted febbraio 25, 2015 at 12:08 pm

    Fantastico. Speriamo che sarà proprio così!
    Nel frattempo, però, smettiamola di sperperare immani risorse per finanziare strumenti ben poco efficienti e costosissimi, visto che per il solo Solare fotovoltaico si caricano ogni anno in bolletta dei consumatori 6,7 miliardi di Euro (garantiti poi per 20 anni a seguire).
    Saggezza vorrebbe che una quota molto ma molto minore di tale ricchezza fosse investita per la ricerca al fine di cercare di pervenire a quelle speranze (lo stesso report usa il condizionale dicendo:

    “… L’energia solare potrebbe essere economicamente più conveniente di quella ottenuta da carbone e gas già entro il 2025 nelle regioni più soleggiate….”.

    Ovviamente, in tutte le valutazioni sopra indicate nell’articolo, è forse implicito pensare che quando si parla di “costi” dell’elettricità prodotta dal solare, ci riferisca ai veri “costi” per tale produzione, senza conteggiare i faraonici INCENTIVI che, finora, hanno drogato tale sistema, caricando enormi costi sulle Bollette di tutti i consumatori, anche e soprattutto quelli che non hanno mnulla a che fare con i pannelli sui loro tetti.

  2. Dino
    Posted febbraio 27, 2015 at 11:42 pm

    Ma quando si fanno queste analisi sui vari costi dell’energia al KWh, si tiene anche conto del costo di costruzione delle centrali? Immagino che i costi delle centrali nucleari siano stronomici e quelli a gas non molto da meno, soprattutto confronto a quelle delle centrali solari.
    In ogni caso è sempre meglio caricare in bolletta i costi di energie rinnovabili piuttosto che i costi infiniti di smantellamento di centrali nucleari che ci sono costate un sacco per costruirle e un sacco (per quanti infiniti anni?) per smantellarle praticamente per produrre nulla.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *