• Articolo Barcellona, 14 marzo 2013
  • Il prototipo di Active Facade è stato sviluppato dal Barcelona Institute of Architecture

    Una facciata intelligente contro il caldo mediterraneo

  • Il prototipo è in grado di rispondere alle variazioni climatiche interne ed esterne modificando naturalmente la propria forma a seconda delle esigenze, per ridurre i consumi e risparmiare energia

 

 

(Rinnovabili.it) – Due giovani architetti catalani hanno sviluppato un innovativo e colorato prototipo di facciata intelligente, capace di reagire autonomamente alle variazioni ambientali interne ed esterne e raffrescare la casa naturalmente.

Il prototipo “Active facade” è nato dalla collaborazione tra i progettisti Adrià Escolano e Maria Ubach del Barcelona Institute of Architecture, per un duplice scopo: disegnare una superficie altamente performante e realizzare un involucro attivo capace di interagire simultaneamente alle variazioni di temperatura interna ed esterna.

Active facade nasce prima di tutto per migliorare le performance degli edifici costruiti nei climi caldi, dove le temperature salgono fino a livelli molto elevati e l’irraggiamento solare determina numerose scelte progettuali. In questo preciso caso, data la paternità del progetto, il prototipo è stato sviluppato per i paesi Mediterranei, mostrandosi come un’evoluzione delle tradizionali corti interne vetrate, tipiche della città di Barcellona ed impiegate per il raffrescamento delle abitazioni.

Questo particolare involucro attivo è composto da una serie di elementi plastici sottovuoto di dimensioni costanti (90x30x25), contenenti rispettivamente una particolare varietà di liquidi colorati differenti ed inseriti all’interno di una maglia metallica strutturale.

Quando i raggi solari colpiscono la superficie della facciata, il liquido contenuto al suo interno si riscalda modificando il proprio stato e di conseguenza il proprio equilibrio, in questo modo il baricentro degli elementi si sposta generando una rotazione naturale dell’elemento rispetto al proprio asse. Variando la propria inclinazione, gli elementi della facciata intelligente generano delle aperture puntuali lungo tutta la superficie, favorendo la ventilazione naturale. Ovviamente quando la temperatura esterna si abbassa nuovamente e il liquido reagente si raffresca, il baricentro degli elementi torna alla posizione originale, consentendo all’involucro di ripristinare la forma di partenza.

Grazie all’impiego di liquidi a differenti densità, Active Facade può essere calibrata sulle singole esigenze dell’utente, modificando la forma dell’involucro a seconda delle esigenze interne e della distribuzione funzionale.