• Articolo Stoccolma, 5 marzo 2015
  • Nuova trovata ingegnosa dell’architettura sostenibile

    Il grattacielo peloso che raccoglie l’energia del vento

  • Il vento scuote le miriadi di fibre che avvolgono il grattacielo peloso, che grazie alla tecnologia piezoelettrica incamera l’energia del vento

Il grattacielo peloso che raccoglie l’energia del vento-

 

(Rinnovabili.it) – Chi credeva di averle viste tutte nel campo del green building, resterà piacevolmente deluso. Non si era ancora sentito parlare, infatti di uno strawscraper, un grattacielo peloso che si trasforma in un parco eolico urbano. E invece l’architettura sostenibile ha concepito anche questa trovata. In particolare, il merito va al Belatchew Lab Arkitektur, studio svedese che immagina di costruire il grattacielo con i capelli a Stoccolma. La particolarità, che rende energeticamente innovativa la struttura, è la sua capacità di sfruttare l’energia del vento con questa peluria che lo ricopre. L’edificio sembra appartenere all’ecosistema marino, simile ad un anemone dai lunghi capelli filiformi.

 

L’accostamento tra fattorie eoliche e contesto urbano può lasciare un po’ sospettosi. Spesso è impossibile, infatti, trovare una posizione per impiantare turbine eoliche tradizionali che non occupino troppo spazio e non siano fonte di pericolo per le attività di una città. Ma il grattacielo peloso risolve il problema, perché utilizza un involucro ricoperto dai “capelli” in grado di captare la forza del vento senza la necessità di una turbina tradizionale.

Il sistema, infatti, utilizza la tecnologia piezoelettrica, che trasforma il movimento in energia elettrica, la quale può essere immagazzinata e utilizzata in una seconda fase. Il debole movimento dei capelli è sicuro per gli uccelli e gli esseri umani e non provoca rumore come invece accade con le turbine tradizionali. Lo Strawscraper però non è soltanto un piccolo prodigio dell’efficienza, ma anche un tentativo di abbellire lo skyline della città. I capelli che coprono l’edificio creano infatti un effetto di movimento, dando al panorama cittadino – normalmente statico – un tocco di dinamicità.

 

Il grattacielo non sarà costruito da zero. Si tratterà infatti di un’estensione di una torre di Stoccolma già esistente, completata nel 1997. L’architetto aveva piantato in asso i lavori a metà costruzione perché lo reputava stravolto dalle nuove direttive ricevute. Belatchew Labs è intervenuto per dare nuova vita al vecchio progetto, rinnovandolo con un look mai visto e la ciliegina sulla torta delle nuove tecnologie per l’energia rinnovabile.

5 Commenti

  1. Ernesto Sattaneo
    Posted marzo 7, 2015 at 5:07 pm

    … Se fossi .. un mecenate … acquisterei pagine intere … dei più diffusi quotidiani e non solo …. anche per la …curiosità di vedere … la faccia di ……. di tante persone “nucleariste” ma mistificatrici .. nel senso che quando criticano LE energie ricavabili dal Sole menzionano SOLO il fotovoltaico …. e pensare che appena ieri raccoglievano firme per il referendum …contro “questo” uso dell’energia da uranio … e plutonio…..

  2. luigi
    Posted marzo 13, 2015 at 3:14 pm

    interessantissima prospettiva!

  3. Giulio M.Pancaldo
    Posted marzo 15, 2015 at 3:52 pm

    Vivo in Sicilia,e precisamente a Patti,in provincia di Messina.La zona,di fronte le Isole Eolie,è non solo
    soleggiata,ma soprattutto ventilata giorno e notte.Tra qualche giorno inizierò la ristrutturazione di tetto e
    facciata della mia casa singola.Accetto proposte a proposito di minieolico e geotermico.

    • giovanni
      Posted marzo 30, 2015 at 11:04 am

      Salve,
      Le consiglio un sistema di ventilazione e di ricambio d’aria degli ambienti abitati, semplice e molto efficiente.
      https://youtu.be/teiQF0gXgVE

  4. Vaghelis
    Posted marzo 24, 2015 at 2:22 pm

    È troppo brutto

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *