• Articolo New York, 12 novembre 2012
  • Si chiamerà "P.S 62" e sarà ultimata entro il 2015 a Staten Island

    La prima Net Zero Energy School di NYC

  • Un altro progetto firmato SOM che si preannuncia essere un laboratorio a cielo aperto di sperimentazioni ed efficienza, arrivando a produrre più energia di quella necessaria

(Rinnovabili.it) – Sarà completata nel 2015 e già si preannuncia essere il primo vero esempio di scuola Net Zero Energy dell’intero Stato.

Il progetto elaborato nientemeno che da SOM (Skidmore, Owings, and Merrill) per la nuova scuola “P.S.62” a Staten Island, ospiterà oltre 400 studenti dall’asilo alle elementari, arrivando a produrre più energia di quella necessaria.

 

 

Secondo quanto affermato da Roger Duffy, leader di SOM, i circa 6.100 mq della nuova scuola, si trasformeranno in una ottima opportunità per sperimentare gli standard fissati dalla  School Construction Authority (SCA) di New York che accanto alle recenti leggi sull’efficienza energetica, per prima ha fissato i più importanti parametri di riferimento per rendere gli edifici performanti sotto ogni aspetto, partendo prima di tutto dalla riduzione degli sprechi e dal miglioramento della qualità degli impianti tecnologici.

P.S. 62 sarà il primo laboratori di sostenibilità della città di NYC, nonché il primo esempio di scuola Net-Zero Energy di New York, elaborato per altro in conformità alle linee guida del rating LEED del US GBC.

Oltre a collaborare attivamente al raggiungimento degli obiettivi prefissati dal PlanNYC per la riduzione delle emissioni globali di CO2, la nuova scuola rappresenta un vero esempio di efficienza e sostenibilità tipica dei progetti del team SOM, arrivando addirittura a ridurre i consumi energetici solitamente impiegati per gli edifici scolastici pubblici, di oltre il 50%.

Le alte performance della scuola sono ovviamente raggiunte grazie alla sinergia di tutte le parti strutturali e tecnologiche che compongono la nuova scuola P.S.62 di Staten Island:

  • INVOLUCRO – l’involucro edilizio esteso in lunghezza e realizzato con materiali estremamente isolanti affiancato alla corretta pianificazione del volume e dell’orientamento della struttura permettono di sfruttare al massimo l’illuminazione naturale, indispensabile per un edificio scolastico, consentendo nello stesso tempo il massimo irraggiamento dei pannelli fotovoltaici e termici collocati sulla copertura ed in facciata sud;
  • IMPIANTI – energia pulita generata in loco grazie all’impianto geotermico a pompa di calore, ai pannelli fotovoltaici per l’elettricità, i pannelli termici per l’acqua calda sanitaria, al sistema di recupero del calore nonché alla ventilazione naturale;
  • ILLUMINAZIONE – illuminazione naturale o artificiale a basso consumo, e impiego di elettrodomestici in classe A+ a basso consumo per la cucina;
  • AREE VERDI e KM 0 – una serra ed un orto privato consentiranno di produrre direttamente le verdure necessarie all’alimentazione degli studenti, inoltre l’intera struttura sarà circondata da una vasta area verde protetta e privata, nonchè da una serie di spazi aperti ma coperti per consentire il gioco anche in giornate di cattivo tempo;
  • RICICLO – rifiuti organici e raccolta differenziata saranno all’ordine del giorno, riutilizzando gli scarti alimentari per la concimazione dell’orto;

Nonostante sia i progettisti che l’Autority siano più che entusiasti del progetto, sottolineando la possibilità di realizzare un edificio Net Zero Energy capace di insegnare ai suoi studenti la sostenibilità sin dalla tenera età, gli attuali residenti della zona si sono mostrati più che altro preoccupati dell’intervento, sottolineando la totale mancanza di infrastrutture adatte ad accogliere una struttura di questo tipo, a partire dall’inadeguata grandezza delle case sino alla mancanza di marciapiedi e piste ciclabili. La risposta dei diretti interessati al progetto non è ancora stata resa nota, tuttavia la sapiente progettazione di SOM nel corso degli anni non può far altro che lasciar sperare in un’ottima risoluzione dei problemi a partire prima di tutto dal sistema della mobilità.