• Articolo Edimburgo, 26 settembre 2012
  • Un piano di edilizia a basso costo e alta efficienza

    La Scozia annuncia il fondo per l’eco-edilizia low cost

  • Il Greener Homes Innovation Scheme mette a disposizione di cooperative e consigli che progetteranno case a basso costo e alta efficienza dieci milioni di sterline

(Rinnovabili.it) – Un fondo del valore di 10 milioni permetterà alla Scozia di aiutare il settore delle costruzioni green ad offrire alla popolazione abitazioni ecologiche a basso costo. Una recente indagine ha infatti dimostrato che dare un equilibrio all’housing nazionale potrebbe portare un vantaggio economico di 240 milioni di sterline entro il 2017.

Per dare forma al progetto i costruttori e i Consigli di Scozia sono stati invitati a presentare proposte per un nuovo fondo che oltre a costruire nuovi edifici a scopo abitativo dovrebbe garantire la ristrutturazione energetica dell’edilizia esistente. Nicola Sturgeon, segretario per gli investimenti le infrastrutture e le città della Scozia, ha presentato ieri lo schema da 10 milioni di sterline battezzato Greener Homes Innovation Scheme, progettato per supportare quello che in inglese viene chiamato off-site construction – un metodo che prevede la realizzazione dei componenti per la costruzione edilizia  in fabbrica, per poi trasportarli in cantiere come una sola unità.

La costruzione “fuori cantiere” viene infatti considerata una pratica a minor impatto ambientale rispetto all’edilizia tradizionale con una importante riduzione delle emissioni inquinanti proveniente dai trasporti, da un minore quantitativo di sprechi e disservizi.

Oltre al vantaggio economico della crescita dell’abitato sostenibile la ricerca della Edinburgh Napier University ha previsto un aumento dei posti di lavoro nell’ordine di 500 nuovi impieghi. A tal proposito Sturgeon ha specificato che il fondo sarà messo a disposizione per consigli, cooperative edilizie, costruttori e sviluppatori  che lavoreranno a progetti per l’edilizia a basso costo e che invieranno le loro proposte entro il 20 dicembre.

“Le case sono le principali fonti di emissioni di anidride carbonica, così le nuove tecnologie sono essenziali per garantire la costruzione di abitazioni a prezzi accessibili a basso consumo energetico e con basse emissioni di carbonio”, ha detto. “Il  Greener Homes Innovation Scheme incoraggerà i moderni metodi di costruzione rendendo gli alloggi più efficienti ampiamente disponibili, il che contribuirà a ridurre le bollette di energia e di carburante la lotta alla povertà.”