• Articolo Roma, 2 ottobre 2014
  • L'ENEA creerà inoltre un portale web dedicato alla riqualificazione a uso dei proprietari, degli operatori del settore e degli investitori

    REQUEST2ACTION: 11 Paesi europei uniti nella riqualificazione

  • Nel progetto REQUEST2ACTION è l’ENEA a rappresentare l’Italia, con un progetto pilota che coinvolge direttamente gli operatori per recupero degli edifici

REQUEST2ACTION 11 Paesi europei uniti nella riqualificazione(Rinnovabili.it) – Prosegue a pieno ritmo il progetto europeo REQUEST2ACTION che coinvolge Agenzie per l’energia e istituti universitari provenienti da 11 Paesi dell’Unione Europea (Austria, Belgio, Grecia, Italia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito e Slovacchia) e di cui fa parte ENEA, nell’obiettivo comune di promuovere l’efficienza energetica ed il recupero degli edifici esistenti del continente.

 

Nell’ambito del progetto l’ENEA è responsabile della partecipazione attiva degli stakeholder europei a  garanzia della qualità dei risultati previsti, sulla base dell’esperienza maturata con la consultazione online degli Stati Generali dell’Efficienza Energetica e con i Tavoli di Lavoro 4E – Efficienza Energetica Edifici Esistenti.

Il progetto REQUEST2ACTION si propone di diffondere una maggiore consapevolezza delle potenzialità dell’efficienza energetica degli edifici, come punto di partenza per una catena di azioni che porteranno alla riqualificazione di qualità del patrimonio edilizio.

Per riuscire al meglio nell’obiettivo saranno sviluppati una serie di progetti pilota in tutta Europa, nel caso dell’Italia, l’ENEA svilupperà un portale web dedicato alla riqualificazione energetica degli edifici a uso dei proprietari, degli operatori del settore e degli investitori. L’impegno ENEA si concentrerà anche sullo sviluppo di strumenti di pianificazione degli interventi di riqualificazione energetica a uso dei decisori politici nazionali e regionali.

Puntare alla qualità dell’edilizia permetterà prima di tutto di ridurre i costi energetici, migliorando notevolmente la qualità di vita dei cittadini. REQUEST2ACTION è perciò la prosecuzione del progetto REQUEST, terminato nel 2012 e che ha permesso una selezione di buone pratiche e di strumenti per incoraggiare l’attuazione degli interventi raccomandati nel Certificato Energetico e la definizione di uno standard di qualità per la filiera della riqualificazione edilizia.

Un Commento

  1. Aurora
    Posted ottobre 4, 2014 at 9:06 am

    Questo progetto e’ ottimo ed entusiasmante ma se si vuole che funzioni occorre mettere mano ai farraginosi Regolamenti comunali che bloccano ogni iniziativa privata o la rendono così costosa da togliere ogni appetibilità. Parlate con qualunque tecnico nel campo dell’edilizia, vi dirà che qui, intendendo il Paese Italia, non si può fare niente, l’edilizia e’ inchiodata da leggi farraginose che spesso nella loro applicazione mancano completamente di buon senso.
    Fate un giro negli uffici tecnici dei comuni e parlate con la gente, quella poca e ammirevole che ha il coraggio o l’incoscienza di voler mettere mano alla propria abitazione in modo non “nascosto”.
    I cittadini non si fidano più dello stato e considerano gli incentivi per la riqualificazione più una trappola che una meravigliosa opportunità quale essi sono. Perciò lancio un grido all’Enea di intervenire se non vuole che tutto resti sulla carta o limitato ai pochi che ” osano”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *