• Articolo Kfar Saba, 4 giugno 2013
  • The Green School di Israele è stata progettata dal giovane Knafo Klimor Architects

    La “Scuola verde” che educa alla sostenibilità

  • Una ‘scuola verde’ sia nella struttura che nell’insegnamento, dove le future generazioni sono protagoniste della sostenibilità e di uno stile di vita di qualità.

 

(Rinnovabili.it) – Educare all’ambiente ed alla sostenibilità per ridurre l’impatto ambientale e raggiungere il traguardo dell’efficienza energetica, è l’obiettivo della prima “Green School” di Israele, la scuola verde realizzata secondo i criteri della bioedilizia che insegnerà l’ecosostenibilità alle nuove generazioni.

 

Progettata dal giovanissimo architetto Knafo Klimor Architects per Kfar Saba, Israele, è un esempio di approccio olistico al tema dell’architettura. I 3.400 mq della scuola verde nascono dal desiderio di creare uno spazio sociale che potesse accogliere i giovani durante le lezioni e nel tempo libero, insegnando nel corso dell’anno gli effetti del cambiamento climatico, uno stile di vita sostenibile ed i benefici degli edifici sani, ovviamente attraverso un interessante percorso di scoperta e ricerca adatto anche ai più piccoli.

 

 

Green building olistico



La Green School di Israele è stata progettata per raggiungere la certificazione LEED Gold, abbattendo gli sprechi energetici grazie alla scelta di un involucro edilizio ad alte prestazioni, costruito con materiali riciclati naturali, locali, durevoli, privi di VOC o componenti nocive alla salute ed un perfetto isolamento termico delle pareti.

 

Impianto geotermico – Grazie all’impianto geotermico la scuola verde “Green School” è completamente autonoma sia nei consumi per il riscaldamento che per il raffrescamento, inoltre un sistema per la purificazione ed il ricambio d’aria interno basato sulla ventilazione naturale, rende gli ambienti interni perfettamente confortevoli.

 

Mentre le nostre scuole raggiungono un record negativo in quanto ad inefficienza ed insicurezza, la scuola verde di Kfar Saba riduce gli sprechi e protegge i suoi giovani occupanti, ottimizzando l’illuminazione naturale ed il comfort termo-acustico delle aule.

 

Recupero acque piovane e grigie – Tra gli accorgimenti attivi di cui è dotata la scuola verde Green School, c’è anche un sistema per la raccolta delle acque piovane ed il recupero delle acque grigie. Un impianto connesso direttamente con le coltivazioni limitrofe ed interne alla scuola, dove l’azione antibatterica delle piante fitodepuranti affiancato ad un sistema di filtrazione, permette di recuperare buona parte delle acque per l’irrigazione ed i servizi igienici.

 

Tetti verdi – Le coperture della scuola verde sono coperte dal verde pensile che, oltre ad agire da isolante termico naturale, contribuisce al recupero delle acque meteoriche.

 

Trattamento dei rifiuti – Tutti i rifiuti sono riciclati, vetro, carta, metalli, sostanze speciali fino all’umido della mensa, sono destinati ad un percorso di riciclaggio messo in atto dagli stessi studenti.