Allarme per l’introduzione di vecchi e nuovi OGM

Un ampio fronte di Associazioni ambientaliste, organizzazioni dell’agricoltura biologica e contadina ribadiscono che introdurre i nuovi e vecchi OGM e cancellare i diritti dei contadini sulle sementi sarebbe un suicidio per il Made in Italy

nuovi ogm
Image by Arturs Budkevics from Pixabay

(Rinnovabili.it) – Il 22 dicembre la Commissione Agricoltura della Camera darà il parere su quattro decreti proposti dalla ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova. I pareri riguardano il Servizio fitosanitario nazionale, la riorganizzazione del settore delle sementi, dei materiali di moltiplicazione dei fruttiferi e delle ortive e della vite.

Quello che si presenta come un aggiornamento delle misure fitosanitarie, in realtà va a riorganizzare il sistema sementiero nazionale, che però non avrebbe bisogno di nessun adeguamento alle norme europee in quanto queste non sono state ancora modificate. Le associazioni – tra cui Federbio, Legambiente, Slow Food, WWF – sono in allarme, perché in questo modo si aprirebbe la strada alla diffusione degli Ogm (organismi geneticamente modificati) e dei cosiddetti nuovi Ogm, ovvero gli Nbt (New Breeding Techniques) che una sentenza della Corte di Giustizia europea già nel 2018 ha equiparato in tutto e per tutto agli Ogm tradizionali

La preoccupazione deriva dal fatto che è mancato un reale confronto con le associazioni di settore secondo le quali i quattro decreti in discussione non solo tentano di introdurre in Italia gli Ogm, “vecchi” e “nuovi”, ma cancellano anche diritti fondamentali degli agricoltori come quelli dello scambio di sementi e della risemina. Gli Ogm, com’è noto, non difendono la tipicità, la tradizione e la territorialità delle nostre produzioni agricole; al contrario, prolungano l’esistenza dell’agricoltura a monocoltura intensiva che costituisce una minaccia alla biodiversità, all’ambiente e alla tradizione agricola italiana. 

I “nuovi” Ogm sono ancora più insidiosi dei “vecchi”: con le nuove tecniche di ingegneria genetica si può modificare la maggior parte di specie ortive come il pomodoro, i fruttiferi come il melo o la vite e quelle di interesse forestale. 

Quali potrebbero essere le ripercussioni economiche dell’introduzione degli Ogm in Italia? Nel nostro Paese la produzione biologica è in crescita costante, anche per merito delle aziende agricole gestite da giovani e donne che fanno dell’innovazione rispettosa dell’ambiente la loro nota distintiva. La nostra produzione biologica oggi vale oltre 4,3 miliardi di euro, ma non dobbiamo dimenticare i prodotti a marchio Dop, Igp e Stg, tutti rigorosamente garantiti Ogm free che generano un valore di 16 miliardi di euro.

I decreti in discussione imporrebbero normative anche nell’ambito delle cosiddette varietà da conservazione, da sempre mantenute e sviluppate dagli agricoltori. Di fatto verrebbe impedito lo scambio di derivati dal raccolto che gli agricoltori si scambiano per la semina: una delle normali pratiche alla base della biodiversità agricola e del miglioramento genetico praticato da sempre dagli agricoltori, considerato uno strumento vincente nella lotta al cambiamento climatico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui