Asparagopsis, l’integratore per i ruminanti contro il metano

In Australia sta avendo grande successo una sperimentazione che usa le alghe Asparagopsis come integratori alimentari per ridurre le emissioni di metano dei ruminanti anche dell’80%. I produttori di carne rossa vogliono essere in prima fila nel raggiungere la neutralità delle emissioni nel prossimo decennio

bold-nose-3777407_1280
Foto di S. Hermann & F. Richter da Pixabay

(Rinnovabili.it) – La sperimentazione che usa le alghe Asparagopsis come integratori alimentari per ridurre le emissioni di metano dei ruminanti sembra dare ottimi risultati.

Le Asparagopsis promettono quindi di essere un elemento importante per combattere in parte l’inquinamento ambientale dovuto agli allevamenti di bovini.

Da Asparagopsis una soluzione ecologica e subito disponibile

Il metano è uno dei gas serra più distruttivi per il clima. 1,5 miliardi di bovini domestici nel mondo – da cui, in modo diretto o indiretto, dipende il sostentamento di oltre un miliardo di persone – sono responsabili di un sesto del volume mondiale di gas serra.

L’Asparagopsis, un’alga tipica dell’Australia e della Nuova Zelanda, adatta a una coltivazione sostenibile, a lungo termine ed ecologica, è una soluzione subito disponibile.

CH4 Global coltiva in aquafarming le Asparagopsis ed elabora i bioprodotti derivati dalle alghe. Li ha messi in commercio sotto forma di integratori specifici per ruminanti (come mucche, capre, pecore e cervi), facilmente integrabili nella loro alimentazione.

Basta aggiungere una piccola quantità di alghe Asparagopsis al mangime di un ruminante per ridurre le emissioni di metano di oltre l’80%.

Promuovere ricerca e sviluppo

FutureFeed è la società costituita nel 2020 per commercializzare la tecnologia sviluppata dall’agenzia scientifica nazionale australiana CSIRO, insieme a Meat & Livestock Australia e James Cook University. FutureFeed è supportata da un gruppo di investitori composto da GrainCorp, Harvest Road Group; Gruppo Woolworths; AGP Sustainable Real Assets; Sparklabs and-Cultiv8 Joint Venture.

FutureFeed ha rilasciato licenze ai coltivatori di alghe marine che permettono di fornire Asparagopsis agli allevatori. Attualmente ci sono tre licenziatari in Australia: CH4 Global, Sea Forest e SeaStock.

Oltre alle licenze, FutureFeed promuove la ricerca, lo sviluppo e la peer review per sostenere la scoperta di Asparagopsis. Inoltre, sono in fase di sviluppo gli standard di certificazione e il marchio per garantire la credibilità della scoperta e della catena del valore.

Grande successo in pochi anni

Fino a pochi anni fa, Asparagopsis era un’alga poco conosciuta e poco coltivata, con pochissime applicazioni al di fuori dei cosmetici di nicchia e come condimento alle Hawaii.

In meno di quattro anni Future Feed ha coinvolto ricercatori e imprese nel lancio di un prodotto che ha un grande potenziale nella lotta contro le emissioni nocive per il Pianeta.

Grazie al suo nuovo impiego nel limitare le emissioni di metano del bestiame, la coltivazione sta aumentando al punto da sostenere le comunità locali e creare posti di lavoro.

Per l’amministratore delegato di MLA, Jason Strong, la prevenzione delle emissioni è una componente fondamentale dell’industria della carne rossa se si vuole che raggiunga la neutralità del carbonio entro il 2030: «Siamo orgogliosi di lavorare al fianco di FutureFeed nel distribuire Asparagopsis a una serie di partner commerciali, perché è uno strumento per raggiungere l’obiettivo della neutralità del carbonio alla fine del decennio».

Articolo precedenteRaccolta vetro: nel 2021 differenziati quasi 2,5 mln di tonnellate di imballaggi
Articolo successivoLa Cina alle prese con un’ondata di caldo anomala e persistente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui