Come cambiano i consumi alimentari in tempi di crisi

La crisi si ripercuote sul carrella della spesa e obbliga a un cambiamento dei consumi alimentari. A causa del rincaro dei beni alimentari più della metà degli italiani ha cambiato le proprie scelte, sia per quanto riguarda la quantità che la qualità: una condizione che colpisce in modo maggiore la popolazione a basso reddito

Foto di -Rita-👩‍🍳 und 📷 mit ❤ da Pixabay

di Isabella Ceccarini

Come stanno cambiando i consumi alimentari? Il primo Rapporto Coldiretti/Censis “Gli italiani e il cibo nelle crisi e oltre” dimostra in che modo la crisi si ripercuote sul carrello della spesa.

A causa del rincaro dei beni alimentari più della metà degli italiani ha cambiato le proprie scelte, sia per quanto riguarda la quantità che la qualità: una condizione che colpisce in modo maggiore la popolazione a basso reddito.

Cresce il numero delle persone in difficoltà

Nell’ultimo anno il Fondo di aiuti europei agli indigenti (Fead) ha visto aumentare il numero delle persone in difficoltà del 12%.

Il 47% degli italiani ha tagliato complessivamente la quantità di cibo acquistato, ma il Rapporto evidenzia le differenze legate alle condizioni sociali: per i redditi alti il taglio degli acquisti riguarda solo il 24% degli intervistati, per quelli bassi la percentuale sale al 60%.

Parlando di qualità, il 37% ha optato per il risparmio. Anche qui la differenza di reddito è determinante: il 22% dei redditi alti contro il 46% dei bassi.

Secondo il Rapporto Coldiretti/Censis, inoltre, giovani e adulti tagliano più degli anziani. Accanto a chi riesce ad andare avanti tirando la cinghia, ci sono tre milioni di persone che per mangiare sono costrette a chiedere aiuto alle mense di carità o a richiedere i pacchi alimentari.

Leggi anche Il prezzo degli alimentari è in costante aumento

A cosa si rinuncia

Quali sono i prodotti lasciati indietro? Gli alcolici sono al primo posto, abbandonati dal 44% degli italiani, insieme ai dolci (44%). Al terzo posto i salumi (38,7%) e a breve distanza il pesce (38%) e la carne (37%), alimenti per bambini (31%) e pane (23%).

I meno colpiti sembrano essere gli alimenti alla base della Dieta Mediterranea: frutta (-16%), verdura (-12%) e pasta (-11%).

Perfino le modalità di preparazione del cibo sono state influenzate dalla crisi: il 54% delle famiglie a basso reddito ha ridotto o eliminato l’uso del forno (contro il 32% dei redditi alti), il 51% ha addirittura rinunciato ad accendere i fornelli (a differenza del 25% delle famiglie ad alto reddito).

Fra i vari stratagemmi per la sopravvivenza si sta diffondendo la richiesta della doggy bag nei ristoranti (che è anche un’ottima pratica antispreco che limita i rifiuti) e molti si portano in ufficio il pranzo preparato a casa.

Leggi anche La Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare 2022

La crisi delle aziende della filiera agroalimentare

L’81% degli italiani fa la spesa con la lista per comprare solo lo stretto necessario, il 72% si rivolge ai discount alimentari e l’83% tiene le antenne dritte per intercettare le promozioni.

Il taglio degli acquisti si ripercuote ovviamente sulle aziende della filiera agroalimentare. Il 13% delle aziende agricole sono in procinto di cessare l’attività, quelle che cercano di resistere alle difficoltà stanno comunque lavorando in una condizione di reddito negativo a causa dei rincari.

Il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, sottolinea che «bisogna intervenire subito per contenere i costi di produzione con misure immediate per salvare le aziende agricole e la spesa degli italiani».

Leggi anche “La guerra nel piatto”: l’agroalimentare tra crescita e crisi

Dagli orti sul balcone alla spesa etica

Un discorso a parte meritano gli orti improvvisati sul balcone, in città o in campagna.

Un dato che fa riflettere anche su un desiderio di alimentazione sana che permette anche di risparmiare qualcosa sulla spesa.

A questo si ricollega l’idea della spesa etica. L’80% degli italiani acquista prodotti agricoli italiani sia per la migliore qualità sia per sostenere le aziende nazionali in difficoltà.

Scegliere prodotti alimentari a chilometro zero e acquistare nei mercati contadini – come quelli di Campagna Amica, diffusi su tutto il territorio nazionale – aiuta le imprese locali, riduce l’impatto ambientale dei trasporti e permette di avere prodotti più freschi che durano di più.

Articolo precedenteIl primo distributore di biometano agricolo per auto in Emilia Romagna
Articolo successivoIn Europa tira una brutta aria? La relazione sulla qualità dell’aria 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui