È nata negli USA la pancetta senza pancetta

Quattro ragazzi statunitensi hanno creato in laboratorio una pancetta senza pancetta: è composta da molti ingredienti, l’unica cosa che manca è il maiale. La pancetta vegana – fatta con le alghe e altri ingredienti a base vegetale) promette di essere completamente sostenibile e più salutare

Foto di Gaertringen da Pixabay

(Rinnovabili.it) – Negli Stati Uniti quattro ragazzi hanno creato una pancetta che contiene tutto tranne il maiale.

Umaro Foods – così si chiama la loro startup – è nata dall’unione di un’imprenditrice tecnologica con un’esperienza nelle energie rinnovabili, una biochimica vegetale (non nuova agli studi in campo alimentare, in precedenza aveva diretto un gruppo di ricerca che aveva prodotto una proteina di pisello per prodotti lattiero-caseari a base vegetale), un microbiologo esperto di biochimica delle proteine e uno chef appassionato di alimentazione sostenibile.

L’obiettivo di Umaro Foods, che si trova nella baia di San Francisco (California), è creare un sistema alimentare che non abbia impatto sul Pianeta che il suo punto di partenza nell’oceano.

La pancetta vegana adatta a tutti

Facile e veloce da preparare, ha la consistenza e il sapore della vera pancetta affumicata, in realtà è un prodotto completamente vegano: l’ingrediente principale è un particolare tipo di alghe rosse.

A queste si aggiungono ceci (che assicurano l’apporto proteico), estratti di muschio marino (agar agar e carragenina), olio di cocco, olio di girasole, una miscela di spezie naturali tra cui la paprika, coloranti a base vegetale (succo di ravanello rosso), zucchero di canna, sale marino.

Leggi anche Sperimentazioni: la carne vegetale dalle proteine di piselli

Questa pancetta vegetale è ecologica – produrla richiede meno terra e meno acqua rispetto alla carne convenzionale –, ha un minore contenuto di grassi e non contiene colesterolo.

Essendo a base vegetale ma con lo stesso sapore della pancetta tradizionale, piace agli amanti della carne, ai vegetariani, ai vegani e anche a chi per motivi religiosi non mangia carne di maiale.

La pancetta è un ingrediente usato in molte preparazioni, ed è tipico della colazione americana, insieme alle uova: da ora in poi sarà possibile gustare il breakfast completamente vegano, se accompagnato dalle uova vegane (ebbene sì, esistono anche quelle!).

Alghe coltivate in acquacoltura

La coltivazione delle alghe in acquacoltura è considerata una pratica sostenibile: non ha bisogno di fertilizzanti oltre alla luce solare e ai nutrienti marini naturali.

Le alghe usate da Umaro Foods per la pancetta vegetale hanno un sapore umami (sapido, è uno dei cinque gusti fondamentali percepiti dal cavo orale umano insieme a dolce, salato, amaro e aspro) che non ha bisogno di ingredienti artificiali.

Leggi anche Israele sperimenta la carne coltivata in laboratorio

Molti consumatori, anche negli Stati Uniti, stanno andando alla ricerca di alternative alimentari più sane e sostenibili, e la pancetta vegetale sembra rispondere a questa esigenza.

La disponibilità del prodotto è ancora limitata, anche se già reperibile in negozi e ristoranti di diverse località degli USA.

In collaborazione con l’Università del New Hampshire, l’Università del New England e Otherlab i quattro ragazzi stanno mettendo a punto una tecnologia per aumentare la coltivazione delle alghe nel Golfo del Maine.

Articolo precedenteIl Gruppo Bauli pubblica il primo Bilancio di Sostenibilità
Articolo successivoCatena del freddo e trasformazione dei sistemi agroalimentari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui