Food&Science Festival 2020, agricoltura sostenibile a Mantova

Agricoltura, alimentazione, tecnologia e innovazione sono state le protagoniste indiscusse dell’evento e le chiavi di lettura con cui raccontare le “metamorfosi” del nostro tempo

Food&Science Festival 2020
Credits: Food&Science Festival 2020

di Isabella Ceccarini

(Rinnovabili.it) – Il cibo si trasforma, e anche il Food&Science Festival di Mantova ha rimodellato i suoi appuntamenti – in presenza e online – secondo le regole imposte dalla pandemia per un grande evento incentrato quest’anno sul tema della Metamorfosi. L’edizione 2020 è una scommessa: un vero e proprio Festival della rinascita che ha inteso portare la scienza dell’alimentazione in mezzo al pubblico per far capire cosa c’è dietro quello che mangiamo, qual è l’impatto del cibo sulla vita del Pianeta, come dobbiamo cambiare le nostre abitudini per ridurne l’impatto.

Tante le prospettive da cui siamo esortati a rivedere il nostro rapporto con il cibo e con la Terra, in linea con il Goal 2 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Medicina, agricoltura, alimentazione, tecnologia e innovazione. Dal campo alla tavola, gli interventi si sono susseguiti in una visione olistica che parte dalla produzione e finisce nel piatto del consumatore consapevole: il Food&Science Festival ha inteso sottolineare lo stretto legame che intercorre tra cambiamenti climatici, riscaldamento globale e alimentazione. I diversi eventi hanno seguito alcuni filoni tematici: Clima, Suolo e territorio, Comunicazione e percezione pubblica, Spreco, Genetica, Alimentazione, La scienza in cucina, Cloni. In ogni sezione si sono susseguiti gli interventi di docenti, esperti, divulgatori scientifici, ricercatori e studiosi.

La manifestazione è stata promossa da Confagricoltura Mantova, ideata da FRAME-Divagazioni scientifiche e organizzata da Mantova Agricola. Quest’anno l’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) – che si occupa di valutazione del rischio in materia di catena alimentare ed elabora pareri scientifici e consulenze alla base della legislazione e delle politiche dell’Unione Europea – ha dato un importante contributo al Festival organizzando una serie di incontri sui rischi in agricoltura e allevamento derivanti dal cambiamento climatico. 

Positiva l’attenzione riservata da Food&Science Festival ai più giovani, che nei mesi scorsi non hanno potuto seguire i consueti percorsi scolastici: il Delivery Lab multimediale per ragazzi delle elementari e medie, il laboratorio Le molecole nel piatto per conoscere la nostra alimentazione, L’orto da asporto, un kit per realizzare un piccolo orto in un contenitore biodegradabile. I più grandi hanno potuto seguire il webinar Basi di gamification: giochi e pratiche ludiche a favore dell’apprendimento

Molto suggestiva la mostra Valelapena. Storie di riscatto dal carcere di Alba, che ha raccontato attraverso le immagini un bel progetto di agricoltura sociale. L’obiettivo del progetto è la riabilitazione sociale e professionale dei detenuti attraverso l’agricoltura: imparare un lavoro, acquisire le necessarie competenze e fare esperienza sul campo – è proprio il caso di dirlo – facilita il recupero dei detenuti e soprattutto dà loro un’opportunità di occupazione nelle aziende del territorio. 

Al Food&Science Festival non è mancato un premio: il Gruppo Tea ha promosso il Premio Futuro Sostenibile per valorizzare progetti di sostenibilità ambientale e di economia circolare sviluppati da comuni, imprese e studenti delle scuole secondarie della provincia di Mantova. 

Presenti, ovviamente, le degustazioni: dal Parmigiano Reggiano al Grana Padano, dal vino (Acini di scienza ha spiegato il processo di trasformazione del vino, dal filare al bicchiere) al cioccolato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui