In Italia il pre-vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari

L’annuncio di Guterres e di Draghi, a Roma dal 19 al 21 luglio. Obiettivo, contribuire a un processo di impegno globale che ambisca alla trasformazione dei sistemi alimentari. “L’Italia è pronta – osserva Draghi – vogliamo affrontare la questione della sicurezza alimentare all’interno del nostro ampio programma come presidenza del G20. L’Italia si impegnerà con i suoi partner per promuovere un’agricoltura migliore, filiere produttive sostenibili e stili di vita salutari”

pre-vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari
Credits: Governo.it

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Il pre-vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari del 2021 sarà ospitato in Italia, a Roma dal 19 al 21 luglio. Ad annunciarlo l’Onu e il governo italiano. Il summit conclusivo si svolgerà poi a settembre nell’ambito dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, a New York.

A Roma si riuniranno giovani, piccoli agricoltori, popolazioni indigene, ricercatori, settore privato, leader politici e ministri dell’agricoltura, dell’ambiente, della salute e delle finanze, per fornire l’approccio scientifico più recente e basato sulle buone pratiche provenienti da tutto il mondo, e per lanciare una serie di nuovi impegni attraverso azioni condivise e alleanze. Alla guida ci saranno il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres e il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi.

Obiettivo, contribuire a un processo di impegno globale che ambisca alla trasformazione dei sistemi alimentari. “Il pre-vertice in Italia – ha dichiarato Guterres – sarà un momento fondamentale per mobilitare gli impegni ambiziosi di cui abbiamo bisogno per costruire sistemi alimentari sostenibili che funzionino per le popolazioni, il Pianeta e la prosperità. Attraverso un’azione accelerata possiamo aiutare il mondo a ricostruire meglio dopo il Covid-19, combattere la fame crescente e affrontare la crisi climatica”.

Il premier Draghi ha fatto presente che “l’Italia è pronta ad accogliere questo appuntamento essenziale del vertice sui sistemi alimentari a Roma. Vogliamo affrontare la questione della sicurezza alimentare all’interno del nostro ampio programma come presidenza del G20. Insieme alle Nazioni Unite e alle sue agenzie con sede a Roma, l’Italia si impegnerà con i suoi partner per promuovere un’agricoltura migliore, filiere produttive sostenibili e stili di vita salutari. Mi aspetto che tutti si uniscano a noi in uno sforzo globale per proteggere l’ambiente con azioni significative”.

Le previsioni sul vertice fanno intendere – viene spiegato da Palazzo Chigi – che “i leader globali intensifichino e lancino nuove azioni, soluzioni, alleanze e strategie coraggio per ricostruire meglio dopo la pandemia Covid-19 e realizzare progressi su tutti i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, ognuno dei quali si basa in qualche misura su sistemi alimentari che sostengano la nutrizione, la sostenibilità e l’equità”.

“Il ruolo dei sistemi alimentari nel raggiungimento degli obiettivi globali e degli obiettivi climatici – si osserva, mettendo in evidenza anche la contemporanea presidenza del G20 e la co-presidenza della ventiseiesima Conferenza delle parti, la Cop26 insieme con il Regno Unito – sarà una priorità centrale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui