Allarme per l’industria alimentare, per il 62% delle aziende meno vendite nel 2020

Il nuovo rapporto di Nomisma sul post Covid-19. Per la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova, l’agroalimentare sarà centrale nelle politiche del Recovery fund

industria alimentare,
Foto di Free-Photos da Pixabay

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Il 62% delle aziende chiuderà il 2020 con una contrazione delle vendite, anche superiore al 15% per quasi un quarto di loro. E’ un allarme, questo, per l’industria alimentare lanciato nel nuovo rapporto ‘L’industria alimentare italiana oltre il Covid-19’ messo a punto da Nomisma per Centromarca e Ibc. I motivi della preoccupazione riguardano in particolare il ‘passaggio’, come un uragano sulle coste, del coronavirus: gli impatti sociali, economici, e naturalmente sanitari.

Per esempio gli effetti del lockdown sulla filiera degli hotel, ristoranti e caffetterie: un blocco di fatto su un pezzo del sistema alimentare italiano che vale di fatto il 34% dei consumi totali di cibo e bevande. E anche con uno sguardo più generale, i dati sul giro d’affari sono una conferma: meno 9,5% ad aprile rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, meno 5,8% a maggio, e meno 1,1% sia a giugno che a luglio.

Siamo impegnati affinché il sistema agroalimentare sia centrale nelle politiche di spesa del Recovery fund – mette in evidenza la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanovasono risorse che non possono essere sprecate ma che devono essere capaci di creare qualità durevole, ricadute a lungo raggio sul sistema Paese e buona occupazione”; nei prossimi mesi “l’agricoltura e il sistema produttivo alimentare industriale non potranno che essere protagonisti. Da qui ai prossimi 3 anni si getteranno le basi per i prossimi 30 anni”. Per la filiera agroalimentare – prosegue Bellanova – “in questi mesi abbiamo già deciso interventi per oltre 2,5 miliardi, e abbiamo investito risorse importanti per la liquidità delle imprese e per l’accesso al credito. Abbiamo lavorato per garantire la più grande operazione di decontribuzione mai fatta nel settore agricolo per un valore di oltre 430 milioni di euro”.

Leggi anche Agricoltura sostenibile, investimento per il futuro

La filiera agroalimentare italiana esprime 1,3 milioni di imprese e 3,4 milioni di occupati, pari al 14% della forza lavoro nazionale; genera 140 miliardi di euro di valore aggiunto, pari al 9% del Pil nazionale, e arriva a pesare per il 9% sull’export grazie a 43 miliardi di euro di vendite sui mercati internazionali nel 2019. Il 40% degli occupati nell’industria alimentare in Italia ha meno di 40 anni; le donne sono il 35%. Nel pieno della crisi economica dell’ultimo decennio (2009-2019), il valore aggiunto prodotto dall’industria alimentare è cresciuto del 19% contro un 7% del totale manifatturiero, mentre l’export è aumentato dell’89% registrando la seconda maggior crescita (dopo la farmaceutica) tra i settori manifatturieri.

A livello territoriale, l’incidenza dell’industria alimentare su occupati e valore aggiunto del manifatturiero raggiunge percentuali doppie rispetto alla media nazionale in regioni come Campania, Puglia, Molise o addirittura triple in Calabria, Sardegna e Sicilia; cosa che dimostra come l’alimentare sostenga l’economia di molti territori, in particolare di quelli ritenuti più svantaggiati. La gran parte delle aziende alimentari italiane ha spesso un carattere artigianale, e una conduzione familiare.

La ricerca – che ha coinvolto 200 imprese italiane – ha evidenziato che il 42% degli esportatori parla di una contrazione sui mercati esteri e il 35% delle aziende ha timori per il futuro per una perdita di posizionamento dei propri prodotti a causa di un maggior protagonismo delle imprese locali. Poi, negli investimenti prevale la prudenza: prima dell’emergenza l’82% delle aziende aveva pianificato di farli nel corso dell’anno, ma la mancanza di liquidità e le difficoltà di accesso al credito, oltre alla congiuntura negativa, spingono ora il 38% delle imprese a rimodularli e a rinviarli. Il restante 31% vorrebbe mantenerli destinandoli in particolare all’acquisto di impianti e macchinari funzionali al ciclo produttivo (86%), di nuove tecnologie (46%) e a ricerca e sviluppo di nuovi prodotti (39%).

Leggi anche A Cibus Forum le strategie per l’agrifood sostenibile

L’industria alimentare italiana è arrivata a fine 2019 – viene spiegato nel rapporto – con una serie di importanti successi che ne hanno fatto la quinta potenza mondiale nell’export di cibo e bevande, dopo Stati Uniti, Germania, Paesi Bassi e Francia, la terza a livello Ue per valore aggiunto prodotto (dopo Germania e Francia) e la seconda per produttività (dopo la Francia). Il posizionamento medio del prezzo dei propri prodotti in giro per il mondo è tra i più alti, in particolare per alcune categorie tipiche del made in Italy come formaggi, olio extravergine di oliva, prodotti da forno e derivati del pomodoro.

“Le diverse modalità adottate nel mondo, nei tempi e nell’applicazione del lockdown, hanno determinato performance differenti nell’export dei nostri prodotti, penalizzando principalmente quelli venduti nel canale hotel, ristoranti, caffetteria – osserva Denis Pantini, responsabile agroalimentare di Nomisma – si spiegano così, per esempio, il meno 4% nell’export di vino e all’opposto il più 25% della pasta italiana o il meno 7,8% dell’export alimentare francese contro il più 2,7% di quello spagnolo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui