Lavoratori agricoli: l’anello debole della catena produttiva

Privi di assicurazione sanitaria, in scarse condizioni economiche e nell’impossibilità di rispettare le norme di distanziamento sociale. Questa è la difficile vita del bracciantato agricolo in USA – e non solo – spesso privo di documenti e di diritti di cittadinanza.

Lavoratori agricoli
Credits: peter jung da Pixabay

In USA, così come in tutto il mondo, si teme per le condizioni dei lavoratori agricoli di fronte alla pandemia

(Rinnovabili.it) – Mentre la stagione della raccolta delle fragole nella costa centrale della California si avvicina, c’è timore per la mancanza di protezione e per la sicurezza dei lavoratori agricoli, aggravata dalla scarsa possibilità di avere accesso alle cure nel sistema sanitario degli Stati Uniti. Per questa ragione, specialmente lungo le coste occidentali degli USA, si teme che il settore agricolo sia esposto ad un grande rischio dovuto al diffondersi dell’epidemia di covid-19, un rischio che riguarda in modo particolare le comunità dei braccianti, più vulnerabili a causa dell’insicurezza economica, dell’esposizione a pesticidi e dei tassi di incidenza più elevati di malattie respiratorie, come l’asma.

“Se non facciamo qualcosa per affrontare immediatamente le condizioni di vita, di lavoro, abitative e di trasporto dei lavorati, ci stiamo preparando per un impatto enorme nel settore agricolo, perché queste colture non possono essere raccolte senza i braccianti, ha dichiarato a Grist Andrea Delgado, direttore degli affari governativi per la Fondazione UFW (un’organizzazione senza scopo di lucro legata al sindacato United Farm Workers).

Leggi anche L’agricoltura industriale non è adatta a sfamare il pianeta

A livello federale, la Fondazione UFW ha recentemente esortato il Congresso a rispondere alle esigenze dei lavoratori agricoli fornendo aiuti che possano sia prevenire la diffusione del virus, sia aiutare i lavoratori a sopravvivere alle sfide future. Ci sono più di 2,4 milioni di lavoratori agricoli negli USA e si stima che circa la metà sia priva di documenti. Nel più recente pacchetto di incentivi economici, il Congresso ha stanziato 9,5 miliardi di dollari per il Dipartimento dell’Agricoltura e 14 miliardi di dollari in prestiti per l’industria agricola, ma la preoccupazione di Delgado è che nessuno di questi finanziamenti sia destinato specificamente ai lavoratori agricoli.

Organizzazioni come Lideres Campesinas, una rete di donne che lavorano nel bracciantato agricolo, stanno cercando di gettare luce sulle condizioni della manodopera del settore, descrivendola come “uno degli anelli più vulnerabili della catena di approvvigionamento alimentare, della forza lavoro e della cittadinanza”. In una lettera inviata al governatore della California, Gavin Newsom, l’organizzazione ha sollecitato i funzionari statali a dare priorità ai bisogni dei lavoratori agricoli affrontando i livelli inadeguati di educazione sanitaria sul covid-19, la mancanza di accesso alle cure e l’insicurezza alimentare.

Leggi anche Settore agricolo: lontani gli obiettivi della neutralità climatica

“Se si verifica un grave focolaio tra le comunità di lavoratori agricoli, può diffondersi molto, molto rapidamente, ha affermato Lucas Zucker, direttore delle politiche e delle comunicazioni della Central Coast Alliance United for a Sustainable Economy (CAUSE). I lavoratori agricoli che CAUSE ha contatta, infatti, riferiscono che i datori di lavoro stanno fornendo linee guida sulle misure di sicurezza, ma la stessa natura del lavoro rende difficile per i lavoratori il rispetto di queste indicazioni. L’Istituto di politica economica statunitense, un think tank indipendente, ha inoltre avvertito che il picco dell’occupazione agricola, che aumenta dalla primavera a luglio, si sovrapporrà al picco del coronavirus.

Il think tank, che conduce prevalentemente ricerche economiche, ha concluso che i datori di lavoro dovrebbero fornire al più presto un’assicurazione sanitaria, giorni di malattia retribuiti e adeguate attrezzature di sicurezza. In più, sostiene che anche i coltivatori dovrebbero attuare misure di distanziamento sociale, anche a costo di riduree la produttività e il guadagno dell’azienda.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui