Next Generation EU, la rinascita verde parte da boschi e foreste

Il rapporto “Boschi e foreste nel Next Generation EU – Sostenibilità, sicurezza, bellezza” realizzato da Coldiretti, Fondazione Symbola e Bonifiche Ferraresi spiega perché la gestione sostenibile di boschi e foreste può contrastare la crisi climatica

boschi e foreste
Foto di Picography da Pixabay

di Isabella Ceccarini

(Rinnovabili.it) – Next Generation EU destina il 37% delle risorse alla transizione ecologica. Quando il Green Deal afferma di voler fare dell’Europa il primo continente a impatto climatico zero ha tutta l’intenzione di voler fare sul serio.  E se la rinascita verde dell’Europa partisse proprio dai boschi e dalle foreste? Il rapporto “Boschi e foreste nel Next Generation EU – Sostenibilità, sicurezza, bellezza” realizzato da Coldiretti, Fondazione Symbola e Bonifiche Ferraresi riporta dati di estremo interesse per capire perché la gestione forestale sostenibile possa contrastare la crisi climatica.

Leggi anche I 5 mega trend che scriveranno il futuro delle foreste globali

L’Italia riserva spesso belle sorprese, come quella di detenere il secondo posto in Europa – dopo la Spagna e prima della Germania – per copertura forestale: 11,4 milioni di ettari, corrispondenti al 38% della sua superficie territoriale. Dal 1990 l’incremento della superficie boschiva è stato del 20% e più del 32% delle foreste italiane rientra in aree protette (la media europea è del 24%). Secondo l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change, il principale organismo intergovernativo internazionale che valuta i cambiamenti climatici), la gestione forestale sostenibile è il più importante strumento di mitigazione climatica. Le foreste italiane sottraggono ogni anno dall’atmosfera circa 46,2 milioni di tonnellate di anidride carbonica: con una migliore gestione del patrimonio forestale, l’immagazzinamento del carbonio potrebbe crescere del 30%.

Secondo la Strategia europea sulla biodiversità per il 2030 nei prossimi dieci anni in Europa dovranno essere piantati 3 miliardi di alberi; la quota spettante all’Italia dovrà superare i 200 milioni di alberi, obiettivo reso possibile grazie a un’attenta pianificazione e alla gestione sostenibile delle risorse forestali. 

La connessione tra città, agricoltura e foreste

Impiantare nuovi boschi in aree periurbane consentirebbe la connessione ecologica con le foreste naturali e aumenterebbe la sottrazione di anidride carbonica dall’atmosfera: 387mila tonnellate per 100mila ettari di nuovi impianti. È documentato il fatto che l’inquinamento atmosferico causi oltre 60mila morti ogni anno, ed è altrettanto evidente il nesso tra Covid-19 e inquinamento. Un albero di medie dimensione piantato nelle aree urbane assorbe in media 10-20 kg di CO2 all’anno e contribuisce a ridurre la temperatura del suolo: l’impianto di alberi nelle città e di boschi nelle aree periurbane svolgerebbe quindi un ruolo importantissimo nel riequilibrio dell’inquinamento urbano. Va in questa direzione la proposta di Coldiretti e Federforeste spiegata da Ettore Prandini, presidente di Coldiretti: «Piantare in Italia 50 milioni di alberi nell’arco dei prossimi cinque anni nelle aree rurali e in quelle metropolitane per far nascere foreste urbane creando una connessione ecologica tra le città, i sistemi agricoli di pianura a elevata produttività e il patrimonio forestale presente nelle aree naturali»

L’Italia è al terzo posto nel mondo per saldo della bilancia commerciale nel legno arredo con 10 miliardi di dollari, ma importa più dell’80% del legname: la gestione sostenibile dei nostri boschi potrebbe ridurre la dipendenza dalle importazioni per le imprese dell’arredo-legno e delle costruzioni. Inoltre, la gestione di questo patrimonio di boschi e foreste avrebbe ripercussioni positive anche sull’occupazione, generando circa 25.000 nuovi posti di lavoro stabile e 4mila per i primi quattro anni per le attività di manutenzione.

Leggi anche Biodiversità: il fenomeno delle miniforeste si diffonde in Europa

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza può avere nei boschi e nelle foreste uno dei suoi punti di forza a partire da un’alleanza tra pubblico, privato, comunità e cittadini. Ma le parole di Ermete Realacci, presidente di Symbola, ampliano ulteriormente la visione: «La biodiversità e la bellezza sono una parte essenziale di quell’economia a misura d’uomo che è il cuore del Manifesto di Assisi promosso dalla Fondazione Symbola e dal Sacro Convento di Assisi nel gennaio 2020». Obiettivi pienamente coincidenti con quelli di Next Generation EU.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui