Stato del clima: il 2020 sarà l’anno più caldo di sempre

Analizzando i report di 6 gruppi di ricerca, Carbon Brief mostra come il 2020 sarà, con ogni probabilità, l’anno più caldo mai registrato, con ritmi di riscaldamento leggermente superiori alla media.

Carbon Brief analizza le temperature del 2020, che potrebbe battere il 2016 come anno più caldo

(Rinnovabili.it) – Usando i dati riguardanti i primi 6 mesi del 2020, Carbon Brief stima che questo sarà probabilmente l’anno più caldo mai registrato. Le temperature della superficie globale sono infatti state eccezionalmente alte, in linea con quelle registrate nel 2016. Ciò è particolarmente preoccupante, soprattutto perché le condizioni di El Niño, nel 2020, hanno influenzato poco lo stato del clima, a differenza di quanto avvenuto nel 2016.

Carbon Brief ha analizzato i report di sei diversi gruppi di ricerca che riportano i record della temperatura superficiale globale: NASA, NOAA, Met Office Hadley Center / UEA, Berkeley Earth, Cowtan e Way, e Copernicus / ECMWF. Nel set di dati della NASA, il 2020 si collega al 2016 per la media più calda di gennaio-giugno mai registrata. Tuttavia, il 2016 ha avuto temperature più basse nella seconda metà dell’anno, mentre luglio e agosto 2020 hanno registrato temperature più alte.

Leggi anche Riscaldamento globale: il 2019 è il secondo anno più caldo di sempre

Analizzando la distribuzione delle temperature sulla superficie terrestre nei primi sei mesi del 2020, si scopre che la Siberia è stata finora straordinariamente calda, con molte aree più calde di 7° C rispetto alla media globale. Anche l’Europa ha sperimentato temperature insolite, di circa 2° C sopra la media. Altre località insolitamente calde includono l’Asia orientale, il Nord Europa e parti dell’Antartide.

Mentre le emissioni antropiche di CO2 e altri gas serra sono responsabili di tutto il riscaldamento a lungo termine della Terra, le temperature annue sono fortemente influenzate dalle variazioni a breve termine del clima terrestre, tipicamente associate agli eventi di El Niño e La Niña. La prima metà del 2020 ha visto condizioni neutre di El Niño, che probabilmente hanno avuto un impatto limitato sulle temperature. Stesso discorso vale per La Niña.

Leggi anche Mese più caldo della storia? Luglio 2019 eguaglia il 2015

Il riscaldamento da El Niño e il raffreddamento da La Niña tendono ad avere il massimo impatto sulle temperature globali circa tre mesi dopo un picco delle loro condizioni nel Pacifico tropicale. Ciò significa che, anche se una forte La Niña si sviluppasse negli ultimi mesi dell’anno, il suo effetto principale sarebbe sulle temperature del 2021 piuttosto che del 2020.

Analizzando i modelli climatici del CMIP5, il quinto rapporto di valutazione dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), se le temperature globali sono state leggermente al di sotto del ritmo di riscaldamento previsto tra il 2005 e il 2014, il ritmo degli ultimi anni è stato abbastanza vicino alla media prevista dal modello. Negli ultimi mesi, le temperature sono state leggermente superiori alla media del modello.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui