Clima: il segretario generale ONU Antonio Guterres lancia l’ultimatum

Di fronte a Giappone, India e Cina che perseverano nella loro dipendenza dal carbone, il capo delle Nazioni Unite ha affermato di sperare che l’UE mantenga i suoi impegni climatici.

“Non siamo mai stati così fragili”. Queste le dure parole di Antonio Guterres

(Rinnovabili.it) – Le potenze mondiali devono riorganizzare le loro economie per un futuro verde o l’umanità sarà condannata. Queste, senza mezzi termini, le parole che il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha usato durante una lunga intervista ad AFP sulla ripresa dalla crisi pandemica e le sue conseguenze sulle politiche climatiche.

Valutando molto duramente la risposta internazionale, Guterres ha detto che la pandemia dovrebbe acuire l’attenzione dei governi sul taglio delle emissioni, esortandoli a usare la crisi come trampolino di lancio per lanciare politiche “trasformative” volte a svezzare le società dai combustibili fossili.

Leggi anche Guterres parla alla Cina: “Non c’è spazio per l’energia a carbone”

Ma non solo. Antonio Guterres punta tutta sulla cooperazione tra Stati: “Penso che il fallimento nella capacità di contenere la diffusione del virus, e nel coordinamento internazionale per combatterlo, debba far capire ai paesi che hanno bisogno di cambiare rotta. Hanno bisogno di agire insieme in relazione alla minaccia climatica che è una minaccia molto più grande della pandemia in sé: è una minaccia esistenziale per il nostro pianeta e per le nostre vite”.

Il capo delle Nazioni Unite ha detto che “l’inquinamento e non le persone” dovrebbe essere tassato e ha chiesto alle nazioni di porre fine ai sussidi ai combustibili fossili, lanciare massicci investimenti nelle energie rinnovabili e impegnarsi per la “neutralità del carbonio” entro il 2050. I suoi commenti tutt’altro che teneri arrivano in un momento in cui lo storico accordo di Parigi entrerà in vigore, nel tentativo di limitare l’aumento della temperatura a “ben al di sotto” di 2° C sopra i livelli preindustriali.

L’accordo era già sul filo del rasoio prima della pandemia, con dubbi sugli impegni da parte delle principali nazioni inquinanti. Il covid-19, però, ha ulteriormente intaccato le speranze che la pressione diplomatica potrebbe spingere le nazioni più restie ad annunciare audaci piani d’azione per il clima, soprattutto perché i vertici più importanti, come la COP26, sono stati rinviati.

Leggi anche In Europa oltre 600mila morti per inquinamento ambientale

“Non siamo mai stati così fragili, non abbiamo mai avuto bisogno di tanta umiltà, unità e solidarietà come adesso”, ha detto Antonio Guterres. Di fronte a Giappone, India e Cina che perseverano nella loro dipendenza dal carbone, il capo delle Nazioni Unite ha affermato di sperare che l’UE mantenga i suoi impegni climatici, dopo aver annunciato il piano di stimolo da 750 miliardi di euro che mira in parte a raggiungere gli obiettivi di neutralità del carbonio.

“Non voglio tornare a un mondo in cui la biodiversità è messa in discussione, a un mondo in cui i combustibili fossili ricevono più sussidi rispetto alle rinnovabili, o in un mondo le disuguaglianze creano società con sempre meno coesione e sempre più instabilità, rabbia, frustrazione, ha concluso Guterres.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui