Italia sott’acqua: ecco gli effetti dell’aumento del livello dei mari sul Belpaese

Anche con un aumento di 1,5 gradi, quasi 1,4 milioni di italiani vivranno in aree al di sotto della linea di alta marea. Tanti quanti gli abitanti di Milano. Con un riscaldamento globale di 2 gradi salgono a 3,6 milioni, l’equivalente della popolazione della Toscana. Gli effetti sono lenti e si manifesteranno comunque nell’arco di alcuni secoli

aumento livello mari
Foto di Peggychoucair da Pixabay

La penisola è nella top 20 globale dei paesi minacciati dall’aumento del livello dei mari

(Rinnovabili.it) – Per quanto veloce possiamo tagliare le emissioni, la CO2 già intrappolata in atmosfera ha innescato un processo di aumento del livello dei mari che è irreversibile per millenni. È uno dei messaggi più preoccupanti dell’ultimo report dell’IPCC pubblicato lo scorso agosto. Se questa è la situazione, a che ritmo crescerà l’innalzamento marino? E quali sono le aree più a rischio? A queste domande prova a rispondere un nuovo studio di Climate Central apparso su Environmental Research Letters e realizzato in collaborazione con l’università di Princeton e il Potsdam Institute for Climate Impact Research.

Se continuiamo lungo la traiettoria attuale, che spinge il riscaldamento globale oltre i 3 gradi, saranno 50 le grandi metropoli in tutto il mondo a finire sott’acqua, in tutto 800 milioni di persone. I piccoli Stati insulari del Pacifico rischiano una “perdita quasi totale” di terra, mentre 8 delle 10 aree più minacciate si trovano in Asia e ospitano 600 milioni di persone. Tutte concentrate in Cina, India, Vietnam, Indonesia e Bangladesh. In Cina, in particolare, circa 43 milioni di persone vivranno su terreni che si prevede saranno al di sotto dei livelli di alta marea entro il 2100, mentre più nel lungo periodo 200 milioni di persone vivranno in aree a rischio di aumento del livello dei mari. Metà dei territori di Bangladesh e Vietnam si trova al di sotto del livello futuro di alta marea.

Leggi anche Livello del mare: potrebbe aumentare più del previsto entro il 2100

Anche se non viviamo questi effetti oggi, il riscaldamento globale di 1,1°C a cui siamo arrivati li rende inevitabili. Se per magia smettessimo in questo momento di produrre emissioni, calcola lo studio, nei prossimi decenni l’aumento del livello dei mari sarebbe comunque un problema per 385 mln di persone, che si troverebbero a fare i conti con l’acqua alta ad ogni marea. Le proiezioni parlano di un innalzamento medio di 1,9 metri, anche se diluiti nell’arco di alcuni secoli. Se arriviamo a 1,5 gradi – come è probabile già entro questo decennio – le persone colpite salgono a 510 milioni.

E in Italia? Secondo i calcoli dei ricercatori, con il riscaldamento globale già incorporato finirà sotto il livello di alta marea quasi l’1% della popolazione, come gli abitanti di Parma, Padova e Trieste messi insieme. A 1,5 gradi diventano 1,4 milioni, in pratica l’equivalente di tutti i residenti di Milano. Se rispettiamo Parigi e restiamo sotto i 2 gradi, nell’arco di un paio di secoli finirebbero comunque sott’acqua 3,6 mln di persone, cioè l’intera popolazione della Toscana. Nello scenario peggiore, +3°C, sotto la linea di alta marea si troveranno 4,5 mln di abitanti (come l’intera Emilia-Romagna).

Leggi anche Ecco quanto corre il riscaldamento globale in Italia, paese per paese

(lm)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui