Scioglimento da record per i ghiacciai più instabili del Polo Sud

Lo studio dell’Imperial College London analizza il comportamento delle masse glaciali Thwaites e Pine Island negli ultimi millenni. L’ultima volta che le temperature globali erano comparabili a quelle odierne, i 2 ghiacciai si scioglievano 5 volte più lentamente

Calotta artica: mancano all’appello 770mila km2 di ghiaccio
Foto di Markus Distelrath da Pixabay

I due ghiacciai faranno alzare i mari globali di 3,4 metri nell’arco di alcuni secoli

(Rinnovabili.it) – I ghiacciai più instabili dell’Antartide si stanno sciogliendo a ritmi che non hanno precedenti negli ultimi 5500 anni. Parliamo dei ghiacciai Thwaites e Pine Island, già al centro di molti studi negli ultimi anni che hanno provato a stimare le probabilità di collasso e l’impatto sull’innalzamento del livello dei mari. Un nuovo studio dell’Imperial College London ricostruisce il comportamento delle due masse glaciali negli ultimi millenni e conferma l’allarme della comunità scientifica.

Appena dopo l’optimum climatico del medio olocene (attorno a 9-5000 anni fa), quando la temperatura globale era maggiore di oggi e questi due ghiacciai si sono ritirati, le due masse glaciali hanno mantenuto un comportamento che gli scienziati definiscono stabile. È quanto emerge dall’analisi del cambiamento relativo nell’altezza del livello delle acque antistanti i punti dove i ghiacciai entrano in mare.

Leggi anche Allarme dal ghiacciaio Thwaites, il gigante dell’Antartide

Usando analisi al radiocarbonio su ossa di pinguino e conchiglie, il team dell’università londinese ha potuto datare con precisione quando alcuni tratti di costa sono emersi per effetto dello scioglimento dei ghiacciai (il terreno, non più schiacciato, tende a sollevarsi e compensa localmente il sollevamento delle acque). La successione di date diventa una cronistoria dello scioglimento da cui si può ricavare la rapidità con cui è avvenuto.

E qui lo studio arriva al risultato più importante. Rispetto a oggi, il ritmo di cambiamento relativo del livello dei mari tra 9000 e 5000 anni fa era 5 volte più lento. Detto in altri termini: Thwaites e Pine Island oggi sono interessanti da uno scioglimento rapidissimo dei ghiacci.

Leggi anche Il ghiacciaio Pine Island scivola sempre più rapidamente in mare

“Abbiamo rivelato che, sebbene questi ghiacciai vulnerabili fossero relativamente stabili negli ultimi millenni, il loro attuale tasso di ritiro sta accelerando e sta già innalzando il livello globale del mare”, spiega Dylan Rood, co-autore dello studio. “Questi tassi attualmente elevati di scioglimento dei ghiacci possono segnalare che le arterie vitali del cuore della calotta glaciale dell’Antartide occidentale [Thwaites e Pine Island, ndr] si sono rotte, provocando un’accelerazione del flusso nell’oceano, potenzialmente disastroso per il futuro livello globale del mare in un mondo in via di riscaldamento”. È troppo tardi per fermare l’emorragia?”.

Articolo precedenteDai Notai la Guida ai Bonus fiscali: dalla cessione agli abusi edilizi, come non perdersi tra le novità
Articolo successivoUn nuovo indice monitora gli animali nelle aree protette

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui