La Cina alle prese con un’ondata di caldo anomala e persistente

A Shanghai la colonnina di mercurio supera regolarmente i 40 gradi da 6 giorni. Dal 1873 a oggi, la metropoli cinese aveva registrato in tutto soltanto 15 giorni oltre questa temperatura

Ondata di caldo: in Cina infranti decine di record di temperatura
crediti: wxchart.com

L’ondata di caldo dovrebbe durare altri 10 giorni

(Rinnovabili.it) – Dopo una prima ondata di caldo a fine giugno, che aveva colpito gran parte dell’Asia, da qualche giorno la Cina è alle prese con uno dei peggiori eventi di caldo estremo della sua storia, con molti record di caldo infranti.

L’11 luglio la contea di Yanjin, nella provincia meridionale e montuosa dello Yunnan, ha registrato 44°C, il nuovo record assoluto per l’area. Primati assoluti di caldo anche per le vicine contee di Yongshan (40,9°C) e Junlian (42,4°C), sempre nello Yunnan. Il giorno prima era stata la volta di Xunyang (provincia di Shaanxi, al centro) con 43,2°C e di Junlian (nel Sichuan) con 41,4°C.

Leggi anche Giugno da record in Italia: è stato il 2° più caldo dal 1800

A Chongqing e Shanghai, la colonnina di mercurio non aveva mai raggiunto i 40°C così presto durante l’estate. E nella seconda città, il comportamento dell’ondata di calore mostra in modo evidente i cambiamenti dei fenomeni estremi a causa del climate change. Da quando sono iniziate le rilevazioni sistematiche, nel 1873, a Shanghai la temperatura ha superato i 40 gradi solo per 15 giorni. La media delle massime, a luglio, non arriva a 33°C (considerando il periodo 1991-2020).

Eppure, dal 5 luglio i termometri superano ogni giorno i 40°C, a riprova di quanto le heat wave stiano diventando significativamente più intense, oltre che frequenti. Le previsioni stimano che questa ondata di calore continui su questi valori per circa 10 giorni, mostrandosi persistente soprattutto nella parte centrale della Cina.

Leggi anche Alluvione in Cina, in poche ore la pioggia di un anno intero

Al caldo si potrebbero sommare piogge torrenziali, come già avvenuto attorno al 20-25 giugno. Questa settimana il Centro nazionale per il clima cinese ha previsto inondazioni e siccità gravi per il resto dell’estate, con oltre 600 millimetri di pioggia attesi a sud e temperature regolarmente superiori ai 35°C in gran parte della Cina settentrionale.

L’anno scorso, a metà luglio, la provincia dello Henan era stata colpita da inondazioni epocali, con livelli di precipitazioni come se ne vedono una volta ogni 1000 anni. In alcune zone, in 4 giorni è scesa tutta la pioggia che cade normalmente in 1 anno intero.

Articolo precedenteAsparagopsis, l’integratore per i ruminanti contro il metano
Articolo successivoL’analisi del ciclo di vita del primo parco fotovoltaico in perovskite

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui