A 2 gradi, le ondate di caldo estremo condannano 1 mld di persone

Lo studio del Met Office britannico, nell’ambito del progetto europeo HELIX, misura le aree a rischio di caldo letale misurato con la temperatura di bulbo umido

Ondate di caldo estremo: 1 miliardo di persone a rischio con +2°C
Via depositphotos.com

Con 2 gradi in più avremo 15 volte più ondate di caldo estremo

(Rinnovabili.it) – Le ondate di caldo estremo non sono tutte uguali: alcune sono più fatali di altre. Succede quando alle temperature alle stelle si aggiunge molta umidità. Un mix che può mandare in tilt i meccanismi di termoregolazione del corpo umano e farci “bollire”. Oggi questi estremi climatici ad alta mortalità possono toccare circa 70 milioni di persone che abitano nelle zone più critiche. Ma anche solo con un riscaldamento globale di 2°C i numeri lievitano di 15 volte: le persone a rischio possono diventare 1 miliardo.

Lo calcola il Met Office britannico in un dossier pubblicato proprio mentre alla COP26 di Glasgow un pugno di paesi – Arabia Saudita in testa – continuano a puntare i piedi contro ogni riferimento alla necessità di tenere a portata di mano l’obiettivo degli 1,5 gradi.

Leggi anche Il caldo estremo in città mette a rischio una persona su quattro

L’indicatore usato per ipotizzare chi sarà colpito da queste ondate di caldo estremo, e dove, è la temperatura di bulbo umido. Si tratta di una misurazione scientifica della temperatura dell’aria effettuata avvolgendo con un panno umido il bulbo, così da simulare determinate condizioni di caldo umido. Sopra i 32°C l’essere umano è a rischio, a 35°C la sudorazione smette di essere efficace e il rischio diventa altissimo.

Il Met Office calcola che a 2°C di riscaldamento globale, una temperatura di bulbo umido di 32°C per almeno 10 giorni di fila si può verificare soprattutto in alcune zone dell’India, del Brasile e dell’Etiopia. Ma è altrettanto interessante osservare cosa cambia se il global warming arriva a 4°C: metà della popolazione terrestre vivrebbe in zone a forte rischio. Sotto la lente finiscono soprattutto le fasce tropicali, peraltro le più esposte a una sovrapposizione di fenomeni estremi tra cui siccità e alluvioni lampo. Proprio nell’individuazione di questi hotspot si è concentrato il lavoro del Met Office, effettuato nell’ambito del progetto europeo HELIX.

Leggi anche Ondate di calore, le estati europee saranno sotto il segno di Lucifero

“Questa nuova analisi combinata mostra l’urgenza di limitare il riscaldamento globale a ben meno di 2°C”, afferma Richard Betts del Met Office e dell’università di Exeter. “Più alto è il livello di riscaldamento, più gravi e diffusi sono i rischi per la vita delle persone, ma è ancora possibile evitare questi rischi maggiori se agiamo ora”. Per Andy Wiltshire, “ognuno degli impatti climatici presenta una visione spaventosa del futuro. Ma, naturalmente, i gravi cambiamenti climatici guideranno molti impatti, e le nostre mappe mostrano che alcune regioni saranno colpite da più fattori”. (lm)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui