Il 2020 pareggia i conti con il 2016: è record di riscaldamento globale

La temperatura globale è stata 1,25°C sopra la media. Per l’Europa è l’anno più caldo di sempre, con la colonnina di mercurio 1,6°C oltre la media. Artico e Siberia bollenti, da +3 a +6°C

Riscaldamento globale: il 2020 è l’anno più caldo della storia
via depositphotos.com

Il riscaldamento globale galoppa anche senza El Niño

(Rinnovabili.it) – Il 2020 è stato l’anno più caldo della storia, secondo i dati rilevati dal sistema satellitare europeo Copernicus. Il primato di riscaldamento globale è condiviso con il 2016. “Gli straordinari eventi climatici del 2020 ei dati del Copernicus Climate Change Service ci dimostrano che non abbiamo tempo da perdere“, ha dichiarato a Reuters Matthias Petschke, direttore per lo spazio della Commissione europea.

La temperatura media del pianeta, misurata alla superficie, ha raggiunto gli 1,25°C in più rispetto al periodo pre-industriale del 1850-1900. Un dato vicinissimo alla prima soglia stabilita dall’accordo di Parigi, quel 1,5°C che, secondo un vasto consenso scientifico, è necessario per evitare gli impatti peggiori del riscaldamento globale.

Leggi anche Il 2020 ha una probabilità su due di segnare il record di riscaldamento globale

Un record bollente, raggiunto peraltro in un anno in cui non si è presentato il fenomeno climatico di El Niño, al contrario del 2016. E nonostante il 2020 sia stato l’anno dei lockdown e del Covid-19, del crollo senza precedenti della domanda di energia e delle emissioni di gas climalteranti.

Il riscaldamento globale si è fatto sentire ovunque sul pianeta. Per l’Europa è stato un anno record, il più caldo mai registrato, con la colonnina di mercurio che è stata in media 1,6°C al di sopra della norma. A influenzare in modo decisivo questo dato l’ondata di caldo che ha colpito l’Europa occidentale tra la fine di luglio e l’inizio di agosto.

Riscaldamento globale
credits: Copernicus service

L’Artico e la Siberia settentrionale hanno visto temperature medie particolarmente estreme nel 2020. E’ qui che si sono registrati gli scostamenti maggiori, con un’ampia regione che ha segnato 3°C in più rispetto alla media a lungo termine e alcune località che, addirittura, hanno toccato medie di 6°C sopra la media. Temperature che, a loro volta, hanno innescato una tremenda stagione di incendi nell’Artico, con un record di 244 milioni di tonnellate di CO2 rilasciate all’interno del circolo polare artico. E anche il ghiaccio marino artico ha fatto segnare record negativi.

Leggi anche Tutti i record (bollenti) dell’Artico nel 2020

Il 2020 “si distingue per il suo calore eccezionale nell’Artico”, ha dichiarato Carlo Buontempo, direttore di Copernicus. “Non sorprende che l’ultimo decennio sia stato il più caldo mai registrato, ed è ancora un altro promemoria dell’urgenza di riduzioni ambiziose delle emissioni per prevenire impatti climatici negativi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui