Riscaldamento globale, ecco qual è il punto di non ritorno del Polo Sud

Uno studio pubblicato su The Cryosphere identifica con precisione, per la prima volta, i tipping point di questo flusso glaciale antartico. Da cui dipende la stabilità dell’intera porzione occidentale della calotta

Riscaldamento globale: identificato il punto di non ritorno dell’Antartide occidentale
Foto di jodeng da Pixabay

La ritirata del ghiacciaio Pine Island a causa del riscaldamento globale allarma gli scienziati

(Rinnovabili.it) – Uno dei più grandi flussi glaciali dell’Antartide sta per raggiungere il punto di non ritorno. Il ghiacciaio Pine Island, nella porzione occidentale del continente ghiacciato, può iniziare una ritirata rapida e irreversibile a causa del riscaldamento globale, con effetti a cascata molto importanti. Tra questi, un innalzamento del livello degli oceani di alcuni metri.

Il ghiacciaio Pine Island è da tempo al centro degli studi di chi si occupa di criosfera e concentra l’attenzione sul Polo Sud. La calotta antartica infatti è più instabile nella sua porzione occidentale. E il ghiacciaio è tra i punti più irrequieti. Adesso una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica The Cryosphere identifica tre punti di non ritorno. E il superamento del terzo può innescare un processo inarrestabile.

Leggi anche Il Polo Sud bomba a orologeria per l’aumento del livello del mare

Secondo il team di ricerca della Northumbria University che ha lavorato allo studio, un aumento della temperatura delle acque di 1,2°C è il tipping point che innesca una ritirata veloce del ghiacciaio Pine Island. Non è un’ipotesi remota: i ricercatori affermano che le tendenze a lungo termine di riscaldamento globale, con aumento delle temperature dell’acqua profonda circumpolare in combinazione con i cambiamenti dei pattern dei venti nel mare di Amundsen, potrebbero esporre la piattaforma di ghiaccio del ghiacciaio Pine Island ad acque più calde per periodi di tempo più lunghi, rendendo i cambiamenti di temperatura di questa entità sempre più probabile.

La ritirata del ghiacciaio innescherebbe a sua volta altri cambiamenti. Anche questi tutt’altro che secondari: si tratterebbe di una destabilizzazione generale di tutta la porzione occidentale della calotta antartica. Il ghiaccio di Pine Island oggi è responsabile, da solo, del 10% dell’aumento del livello dei mari in tutto il mondo. Gli scienziati calcolano che, nel lungo periodo, l’instabilità della metà occidentale dell’Antartide potrebbe portare ad un aumento delle acque di circa 3 metri.

Leggi anche Clima, nuovo record al Polo Sud : le temperature antartiche superano i 18 gradi

“La possibilità che il Pine Island Glacier entri in una ritirata instabile è stata sollevata in precedenza, ma questa è la prima volta che questa possibilità è rigorosamente stabilita e quantificata”, spiega Hilmar Gudmundsson, professore di glaciologia e ambienti estremi e co-autore dello studio. “Questo è un importante passo avanti nella nostra comprensione delle dinamiche di quest’area e sono entusiasta che ora siamo stati in grado di fornire finalmente risposte certe a questa importante domanda”.

Articolo precedenteI record delle energie rinnovabili nonostante la crisi
Articolo successivoDalla Spagna la turbina eolica senza pale colma di promesse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui