Riscaldamento globale, l’effetto degli aerosol sul clima dell’Europa

Se l’Europa si sta scaldando due volte più velocemente del resto del pianeta, la causa è anche la diminuzione degli aerosol in atmosfera, che prima schermavano la radiazione solare

Riscaldamento globale: l’Europa è già oltre i 2°C
Photo by Christian Lue on Unsplash

Lo studio sul riscaldamento globale nel nostro continente nei mesi estivi

(Rinnovabili.it) – L’Europa mediterranea e diverse altre parti del continente sono destinate a vivere estati con un’anomalia termica di oltre 2°C, anche se il riscaldamento globale oggi è attestato a 1,1°C. Colpa sia delle differenze da regione a regione sia di un meccanismo di feedback positivo. Ormai innescato a causa delle condizioni di suolo più arido e meno evaporazione, a loro volta causate dalla crisi climatica in corso. Condizioni, queste, che sono particolarmente presenti nella parte più meridionale d’Europa, Italia inclusa. Ma non è tutto.

Il global warming nel nostro continente corre quindi quasi due volte più veloce rispetto alla media del pianeta. Perché? Un fattore importante è il ruolo delle particelle di aerosol presenti nell’aria. “Prima che iniziassero a diminuire all’inizio degli anni ’80 in Europa, hanno mascherato il riscaldamento causato dai gas serra umani di poco più di un grado in media per il semestre estivo”, spiega Paul Glantz, prima firma dell’articolo pubblicato sulla rivista scientifica JGR Atmospheres.

Leggi anche Caldo record: estate 2022, Europa mai così bollente

La diminuzione di queste particelle è dovuta principalmente alla transizione energetica, in particolare alla diminuzione delle centrali a carbone. “Quando gli aerosol nell’atmosfera sono diminuiti, la temperatura è aumentata rapidamente. Le emissioni umane di anidride carbonica sono ancora la minaccia maggiore, poiché influenzano il clima per centinaia o migliaia di anni”, continua Glantz.

Una dinamica, questa, che dovrebbe essere tenuta in considerazione per capire come potrà cambiare il clima in altre regioni del pianeta, come l’India o la Cina, dove invece gli aerosol in sospensione sono ancora presenti in grandi quantità. A differenza dei gas serra che intrappolano il calore della radiazione solare all’interno dell’atmosfera, infatti, queste particelle di aerosol hanno un effetto opposto. Di fatto, schermano la superficie terrestre da parte della radiazione solare, contribuendo così a contenere l’aumento della temperatura.

Leggi anche L’Italia è sulla buona strada per segnare il nuovo record di caldo nel 2022

Articolo precedenteINSIEME 2025: il Piano Industriale di SACE per accompagnare il Sistema Paese verso un orizzonte sostenibile
Articolo successivoL’esposizione cronica all’inquinamento danneggia il sistema immunitario

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui