L’impatto del riscaldamento globale sulla salute dei bambini è in aumento

Una serie di studi apparsi sulla rivista Pediatric and Perinatal Epidemiology rileva collegamenti tra l’aumento globale delle temperature e parti prematuri, tendenza all’obesità nel primo anno di vita, e patologie rare come la gastroschisi

Riscaldamento globale: gli impatti emergenti sulla salute dei bambini
via depositphotos.com

Nel 2021 il riscaldamento globale è stato di 1,1°C sopra la media

(Rinnovabili.it) – Nascite premature, obesità nei primi anni di vita, gastroschisi. Disturbi e patologie che possono durare tutta la vita, non solo marchiare i primi mesi o anni. Sono alcuni degli impatti del riscaldamento globale sulla salute dei neonati secondo 6 nuovi studi scientifici apparsi sulla rivista Pediatric and Perinatal Epidemiology.

Il rischio di partorire prematuramente, prima della 37° settimana, aumenta con il crescere della temperatura globale. In particolare, con gli estremi climatici. Uno studio ha analizzato 1 milione di gravidanze in Australia tra 2005 e 2014, di cui il 3% è finita con un parto prematuro. Le neo mamme che si trovavano nel 5% delle località più calde avevano il 16% di probabilità in più di terminare anzitempo la gravidanza. Un secondo studio, questa volta su 200mila casi in Texas, ha dato risultati simili: la probabilità aumenta del 15% per chi è stato esposto ad almeno un giorno con temperature nell’ultimo percentile (l’1% dei giorni più caldi).

Leggi anche The Lancet, col cambiamento climatico ci giochiamo un futuro sano

Anche il legame con l’obesità passa attraverso le alte temperature. Soprattutto quelle notturne, ovvero il numero di notti tropicali (quando la temperatura non scende sotto i 20°C) che sono in aumento a causa del riscaldamento globale. Uno studio israeliano su 200mila neonati ha trovato il 5% di probabilità in più di acquisire peso molto rapidamente nel primo anno di vita per i bambini che sono esposti al quintile superiore delle notti tropicali (il 20% delle notti più calde).

Anche patologie rare sono in aumento e c’è una buona probabilità che il riscaldamento globale sia parte dell’equazione. È il caso della gastroschisi, un difetto della parete dell’addome che non si forma completamente e lascia fuoriuscire in parte gli organi interni. Normalmente colpisce 1 neonato su 10-20mila.  Uno studio americano sostiene, dati alla mano, che il rischio di gastroschisi aumenta del 28% se la mamma è stata esposta ai fumi degli incendi durante il primo trimestre di gravidanza.

Leggi anche L’impatto del clima sulla salute: 13 morti al minuto per l’inquinamento dell’aria

Articolo precedenteÈ Alessandro Modiano l’inviato speciale per il cambiamento climatico dell’Italia
Articolo successivoARERA, il quadro strategico 22-25 punta alla transizione energetica giusta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui