Riscaldamento globale, l’Europa spaccata a metà tra bombe d’acqua e siccità prolungate

Uno studio dell’Accademia delle Scienze cinese e del MET Office britannico analizza l’impatto del riscaldamento globale sulla variabilità dei regimi delle precipitazioni: il futuro ci riserva piogge più concentrate e non è un bene

Riscaldamento globale: più variabilità delle piogge, più eventi estremi
Foto di Brigipix da Pixabay

Il riscaldamento globale renderà il clima di 2/3 della Terra più umido ma anche più variabile

(Rinnovabili.it) – Passaggi sempre più repentini da un clima secco a un clima con forti piogge. E viceversa. È quello che ci riserva il riscaldamento globale, che incide sui regimi delle precipitazioni. E questa maggiore variabilità delle piogge comporta più eventi climatici estremi. Lo sostiene uno studio congiunto dell’Institute of Atmospheric Physics dell’Accademia delle Scienze cinese e del MET Office britannico.

I ricercatori si sono concentrati non soltanto sull’entità del cambiamento, cioè sulla quantità assoluta di pioggia in eccesso o in difetto. Hanno valutato anche la variabilità interna dei nuovi regimi di precipitazioni, vale a dire quando e in quanto tempo cade una determinata quantità di pioggia.

Leggi anche L’atlante mondiale dei disastri climatici: occhio all’acqua

Il risultato è che il riscaldamento globale altera notevolmente la variabilità delle precipitazioni. Cosa significa? In parole povere, la pioggia non è distribuita in modo uniforme lungo l’anno o la singola stagione, ma tende a concentrarsi tutta in alcuni brevi momenti. Questo moltiplica il rischio che si verifichino alluvioni o inondazioni devastanti, sulla falsariga di quanto successo a luglio in Germania e Belgio. Ma al tempo stesso aumenta la lunghezza dei periodi senza piogge, che tendono a evolvere in fenomeni di siccità.

Questo fenomeno riguarderà gran parte del globo. “Circa i due terzi del pianeta subiranno un idroclima “più umido e più variabile”, mentre si prevede che le restanti regioni diventeranno “più secche ma più variabili” o “più secche e meno variabili”, spiega Zhang Wenxia, autore principale dello studio. L’Europa vedrà tutte queste tendenze. La parte settentrionale, incluse le aree devastate dalla recente alluvione, diventeranno più propense a eventi di questo tipo. Mentre Spagna, Italia centro-meridionale e Grecia avranno climi più secchi ma meno variabili, combinazione che favorisce siccità prolungate.

Leggi anche Nell’alluvione in Australia c’è lo zampino del cambiamento climatico

“La variabilità delle precipitazioni amplificata a livello globale manifesta il fatto che il riscaldamento globale sta rendendo il nostro clima più irregolare, più estremo sia in condizioni umide che secche, con transizioni più ampie e probabilmente più rapide tra di loro”, ha affermato Kalli Furtado, del MET Office e seconda firma dello studio. “Gli eventi di pioggia più variabili potrebbero ulteriormente tradursi in impatti sui raccolti e sui flussi dei fiumi, sfidando l’attuale resilienza climatica delle infrastrutture, della società umana e degli ecosistemi. Ciò rende più difficile l’adattamento ai cambiamenti climatici”.

Articolo precedenteQuesta ondata di calore può segnare nuovi record in Italia
Articolo successivoLa bioraffineria di domani? Dal greggio agli scarti d’uva, cicoria e cipolle

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui