Stagione degli incendi, la California stanzia una cifra record di 2 miliardi

Nel periodo gennaio-maggio, le autorità hanno già registrato 900 incendi in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Nel 2020 andò in fumo il 4% del territorio statale. Stanziate risorse record ma manca un buon lavoro di prevenzione

Stagione degli incendi: la California si prepara a un’estate rovente
Foto di Reinhard Thrainer da Pixabay

La stagione degli incendi 2021 sarà peggiore di quella da record dell’anno scorso

(Rinnovabili.it) – Ormai tutti gli indicatori e le agenzie sono concordi: la nuova stagione degli incendi in California sarà anche peggiore di quella, già devastante, del 2020. Per fronteggiare i prossimi mesi roventi, il governatore dello Stato della costa ovest ha deciso di stanziare la cifra record di 2 miliardi di dollari. È il doppio di quanto aveva proposto lo scorso gennaio. “Chiaramente riconosciamo che dobbiamo intensificare i nostri sforzi qui nello stato della California ed è quello che abbiamo iniziato a fare all’inizio di quest’anno”, ha commentato.

Praticamente tutto l’ammontare sarà destinato ad azioni di mitigazione e di carattere emergenziale. I fondi sono riservati, ad esempio, al rafforzamento degli effettivi dei pompieri e all’acquisto di mezzi per il monitoraggio e l’azione anti-incendio (elicotteri, aerei). Sul piano della prevenzione, invece, viene previsto poco o nulla.

Leggi anche Riscaldamento globale: gli incendi in California continuano a peggiorare

Un problema non da poco, visto che la stagione degli incendi quest’anno è iniziata prima – a tutti gli effetti non è mai cessata, anche se durante l’inverno gli eventi sono diminuiti molto di frequenza e intensità. E i roghi hanno complicato le operazioni di incendio controllato con cui la California normalmente gestisce la situazione. I pompieri californiani sono stati in grado di bruciare deliberatamente solo 44 km2 fino al 30 aprile, un calo di circa il 40% rispetto allo scorso anno.

La stagione degli incendi del 2020 aveva portato sui media di tutto il mondo immagini iconiche del disastro ambientale come il Golden Gate e la skyline di San Francisco totalmente immersi in una densa nebbia arancione generata dal fumo. I km2 di boschi andati in fiamme sono stati oltre 17mila (il 4% dello Stato), 10mila abitazioni sono state distrutte e i morti hanno toccato quota 33.

Leggi anche L’emergenza siccità spaventa di nuovo la California

Quest’anno i dati descrivono una situazione peggiore. Il 94% del territorio della California è colpito da una grave siccità, che crea condizioni molto favorevoli per il propagarsi degli incendi. Da gennaio a fine maggio, le autorità hanno registrato circa 900 incendi in più rispetto allo stesso periodo del 2020.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui