El Niño e La Niña colpiranno più di 100 milioni di persone

Per l’ONU questa è la “nuova normalità”: dopo il passaggio catastrofico di El Niño, la probabilità che si sviluppi il fenomeno correlato chiamato La Niña è del 50-75%

El Niño e La Niña colpiranno più di 100 milioni di persone

 

(Rinnovabili.it) – Il numero di persone colpite dagli effetti combinati di El Niño e La Niña raggiungerà entro la fine di quest’anno i 100 milioni. Lo prevede l’ONU dopo averne constatato l’impatto devastante sul clima durante i primi sei mesi dell’anno. Gli indicatori climatici associati alla presenza del primo dei due fenomeni sono tornati neutrali verso la fine di maggio. Adesso, però, climatologi di Giappone, Usa e Australia stimano che la probabilità che entro dicembre si sviluppi La Niña sia compresa tra il 50 e il 75%.

El Niño è una teleconnessione atmosferica, cioè una contemporanea variazione di pressione e temperatura nell’atmosfera e nell’oceano tale da presentare una correlazione statistica. Al riscaldamento delle correnti del Pacifico centro-orientale, sale la pressione atmosferica in quello centro-occidentale. A seguito delle sue manifestazioni, in alcune regioni del mondo si intensificano inondazioni, siccità e altre perturbazioni. Il bilancio del 2016, stima la FAO, è di oltre 60 milioni di persone colpite da siccità e fame, delle quali oltre due terzi concentrate nell’Africa meridionale e orientale.

 

El Niño e La Niña colpiranno più di 100 milioni di personeOra i climatologi attendono l’arrivo della Niña, il fenomeno opposto che provoca un raffreddamento della fascia centro-orientale del Pacifico, con un calo delle temperature di 3-5 °C rispetto alla media. Anche se il suo impatto è solitamente meno potente di quello del suo gemello speculare, il passaggio della Niña è associato a siccità e inondazioni, che metteranno in seria difficoltà popolazioni già duramente colpite e sfogherà i suoi effetti su altri 40 milioni di persone.

Tre agenzie dell’ONU – FAO, Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD) e Programma alimentare mondiale (WFP) – avvertono che sono necessari 4 miliardi di dollari per far fronte alle emergenze nelle zone già colpite. Cifra destinata a salire se la Niña colpirà da qui a dicembre. Secondo Macharia Kamau, inviato speciale dell’ONU per El Niño e il clima, se governi e agenzie internazionali non saranno in grado di adeguare le loro azioni, finanziamenti e investimenti a questa “nuova normalità” disegnata da un aumento delle emergenze climatiche, le conseguenze si faranno sentire fin da subito e per lungo tempo, rendendo ogni anno più difficile invertire la rotta.

1 commento

  1. non c’è certezza: Ne sentiamo di previsioni catastofiche sappiamo che le soluzioni tecnico scentifiche ci sono e chi ha funzioni di responsabilità o è ignorante o fa finta di esserlo perchè bisogna proteggere chi investee a scapito della ragionevolezza e delle persone che non contano nulla. La sola cosa che mi consola e che questi nuovi tiranni non potranno godertsi tutto quello che hanno rovinato e lo negheranno anche ai loro discendenti che credo non li ringrazieranno . ci si ricorderà di loro come uomini senza scupoli che per accumulare ricchezze che non potranno servire più a nulla ,hanno avvelenato il pianeta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui