Concordia: al via il viaggio verso Genova

E’ finalmente iniziato il viaggio del relitto del Costa Concordia, che in 5 giorni dovrebbe raggiungere il porto di Genova dove avverrà lo smantellamento

concordia(Rinnovabili.it) – Eppur si muove! Inizia proprio in questi minuti il viaggio del relitto della Costa Concordia verso Genova. Trainata da due rimorchiatori oceanici, la nave si sta lentamente spostando dalle acque antistanti l’Isola del Giglio, dove naufragò il 13 gennaio del 2012, alla volta del porto ligure dove avranno inizio le operazioni di smantellamento.

Con un’andatura di circa 2 nodi la Concordia dovrebbe arrivare in Liguria in circa 5 giorni, tempo e condizioni del mare permettendo, con la speranza che non ci siano intoppi, non si verifichino perdite inquinanti e che non vengano disturbati e flora e fauna del Santuario dei Cetacei, di passaggio durante lo spostamento del relitto.

E’ arrivata da poco la comunicazione ufficiale del capo della Protezione Civile Franco Gabrielli “Vi comunico che la nave è partita” ha annunciato con soddisfazione.

Fatto riemergere il relitto nei giorni scorsi, e orientata stamane la prua, inizia quindi il tanto atteso viaggio che Gabrielli ha così commentato  “Nessun trionfalismo – ha detto il capo della Protezione Civile – . Oggi è stata fatta una grande cosa per l’ingegneria nautica, soprattutto, ma è il momento del rispetto e del ricordo verso le vittime”. 

Dalla Protezione Civili fanno sapere che la nave sarà seguita da “un convoglio di 14 mezzi tecnici a cui si affiancheranno tre mezzi della Guardia Costiera. Oltre ai rimorchiatori, ci saranno mezzi specializzati in grado di intervenire in caso di emergenza. Grande attenzione sarà riservata al monitoraggio ambientale, anche attraverso i telerilevamenti realizzati dall’Atr 42 che permettono di individuare eventuali inquinamenti da idrocarburi”.

 

Ma a poche decine di minuti dalla partenza della nave già arriva la prima segnalazione, effettuata direttamente dal Ministro italiano dell’Ambiente Gian Luca Galletti, che ha personalmente commentato la rilevazione di due macchie di idrocarburi a largo della Corsica, uno specchio di mare dove la Concordia si troverà a passare per arrivare fino al porto di Genova. Il monitoraggio, effettuato dalla Capitaneria di Porto, andrà ora approfondito per verificare la reale presenza di sostanze pericolose e inquinanti.

Per evitare che tali problematiche rallentino il viaggio e danneggino l’ambiente nei giorni scorsi Legambiente ha comunicato che una speciale Goletta Verde seguirà il viaggio della Concordia per sincerarsi che non avvengano sversamenti in mare di sostanze potenzialmente inquinanti e che non si disturbino i cetacei del Santuario. E’ importante che la nave venga portata via dall’Isola del Giglio, ma è altrettanto fondamentale che non si vadano a turbare ulteriori equilibri di difficile ripristino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui