Giornata Mondiale dell’Ambiente 2019: stop all’inquinamento atmosferico

Istituita nel 1972, la Giornata dedicata dall’ONU all’Ambiente si concentra sulla qualità dell’aria e sull’inquinamento cui sono esposte milioni di persone in tutto il mondo.

giornata mondiale dell'AmbienteGiornata Mondiale dell’Ambiente: secondo l’OMS, l’inquinamento atmosferico causa 7 milioni di decessi prematuri ogni anno

 

(Rinnovabili.it) – Il 5 giugno è la Giornata Mondiale dell’Ambiente: istituita dall’ONU nel 1972, l’edizione di quest’anno è incentrata sull’inquinamento atmosferico, un problema che, come illustra un recente report dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, causa 7 milioni di decessi prematuri ogni anno ovvero 800 persone ogni 13 minuti, oltre il triplo dei morti annui causati da malaria, AIDS e tubercolosi insieme.

 

Per l’occasione, le agenzie ambientali dell’ONU hanno lanciato la campagna social #BeatAirPollution: una mobilitazione globale per promuovere azioni concrete e far conoscere le best practice con cui combattere l’inquinamento atmosferico a tutti i livelli, da quello domestico a quello territoriale.

 

Secondo l’OMS, 9 persone su 10 vivono in ambienti con parametri d’inquinamento atmosferico dannosi o pericolosi per la salute umana: l’utilizzo dentro le abitazioni di combustibili fossili (come legno e altre biomasse) per il riscaldamento e per la preparazione dei pasti, i trasporti (in particolar modo i veicoli diesel), l’agricoltura e l’allevamento, l’industria (compresa quella di generazione energetica) e la combustione di rifiuti, in particolare organici, all’aperto sono i 5 fattori che più contribuiscono all’abbattimento della qualità dell’aria che respiriamo.

 

>>Leggi anche L’inquinamento atmosferico riduce di 20 mesi l’aspettativa di vita dei bambini<<

 

Il solo inquinamento atmosferico domestico è causa di 3,8 milioni di morti premature ogni anno, nella maggior parte dei casi in Paesi in via di sviluppo, di cui il 60% è rappresentato da donne e bambini.

Proprio le categorie fragili sono quelle più a rischio: il 93% dei bambini di tutto il mondo vive in aree in cui i livelli d’inquinamento atmosferico superano i limiti fissati dall’OMS. Un fenomeno all’origine delle 600 mila morti al di sotto dei 15 anni a causa di problemi e infezioni del tratto respiratorio nel 2016.

 

Allo stesso tempo, il mondo in via di sviluppo è quello che paga il maggior dazio quando si parla d’inquinamento dell’aria: il 97% delle città con più di 100 mila abitanti al di sotto degli standard fissati dall’OMS si trovano nei Paesi con bassi o medio bassi livelli di sviluppo economico, mentre la percentuale scende al 29% quando si tratta di città nella parte ricca del globo. I trasporti contribuiscono al 25% delle polveri sottili negli agglomerati urbani, la combustione domestica di carburanti pesa per il 20%, mentre altre attività industriali come la generazione di energia elettrica contribuisce per il 15% dell’inquinamento atmsferico cittadino.

 

Una vera a propria piaga, anche a livello economico: stime della Banca Mondiale sostengono che la spesa per combattere gl’effetti dannosi dell’inquinamento atmosferico delle 15 nazioni più inquinanti al mondo raggiunge in media il 4% del Pil. Per intenderci, la stessa Banca Mondiale stima nell’1% del Pil mondiale il costo necessario ad attuare tutte le azioni di conversione economica ed energetica per contenere al di sotto dei 2°C il risaldamento globale, come previsto dagli Accordi di Parigi.

 

>>Leggi anche Metà dei Paesi Ue non ha programmi per limitare l’inquinamento atmosferico<<

Articolo precedenteFirmato il protocollo Aria Pulita, 1° impegno collettivo contro l’inquinamento
Articolo successivoNegli USA l’impianto d’accumulo (senza litio) più grande al mondo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui