Russia: una grande fuoriuscita di carburante minaccia l’Artico

Secondo le autorità russe, l’incidente avvenuto nei pressi della centrale elettrica di Norilsk ha provocata una vera e propria catastrofe ecologica.

Una fuoriuscita di carburante ha raggiunto le acque del fiume Ambarnaya

(Rinnovabili.it) – Il 29 maggio, una cisterna per il rifornimento della centrale elettrica di Norilsk, città russa ubicata nella Siberia settentrionale, ha rilasciato a seguito di un incidente circa 20.000 tonnellate di carburante e lubrificanti, provocando un incendio che si è diffuso in un’area di 350 m2. Ma non solo, perché la fuoriuscita di carburante ha raggiunto le acque del fiume Ambarnaya, uno dei principali fiumi artici del paese.

La Rosrybolovstvo, l’Agenzia russa per la pesca, ha dichiarato che l’incidente ha provocato una vera e propria catastrofe ecologica. Secondo quanto riportato da Dmitry Klokov, portavoce della Rosrybolovstvo, una enorme macchia di acqua cremisi si estende tuttora da un lato all’altro del fiume, in quel tratto largo circa 500 metri.

Leggi anche Gli incendi in Siberia stanno causando una crisi ambientale globale

“Si può già dire ora che ci vorranno decenni per il ripristino dell’equilibrio ecologico del sistema idrico Norilo-Pyasinsky interessato”, ha affermato Klokov. Norilsk, una remota città di 180.000 abitanti situata a 300 chilometri dal circolo polare artico, è costruita intorno a Norilsk Nickel, impianto industriale del principale produttore mondiale di nichel e palladio.

A seguito della fuoriuscita di carburante nelle acque del fiume Ambarnaya, l’azienda ha dichiarato di star facendo tutto il possibile per eliminare le sostanze inquinanti, avvalendosi dell’aiuto di specialisti provenienti da Mosca per isolare la parte del fiume interessata ed impedire che i prodotti petroliferi si diffondano ulteriormente.

Leggi anche Austria: il bel Danubio blu petrolio

Secondo le prime previsioni, le operazioni di recupero del carburante dovrebbero durare circa 10-14 giorni. Ma, secondo la portavoce della Norilsk Nickel, Tatyana Yegorova, pare sia ancora troppo presto per valutare l’effettivo danno ambientale. Sin dalla sua fondazione, la città di Norilsk è stata caratterizzata da una cattiva reputazione dovuta proprio all’inquinamento causato dalla presenza del grande impianto industriale, anche se la società ha recentemente affermato di essersi impegnata per migliorare le condizioni ambientali dell’area.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui