Smog, città fuorilegge per qualità aria. Il rapporto di Legambiente

La classifica dell’associazione: l’Italia è di fronte a un bivio, deve scegliere se pagare le multe Ue oppure iniziare a agire. Le peggiori sono Venezia e Verona, seguite da Vicenza, Avellino, Brescia; ma anche Frosinone e Napoli. Molte altre rischiano di superare il limite entro fine anno

smog
via depositphotos.com

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – La qualità dell’aria in Italia non migliora. E sono già 11 le città che a inizio settembre hanno sforato, con almeno una centralina, il limite previsto per le polveri sottili, cioè la soglia dei 35 giorni nell’anno solare con una media di PM10 quotidiana superiore a 50 microgrammi per metro cubo. Le peggiori sono Verona e Venezia con 41 giorni di sforamenti. Seguono Vicenza con 40, Avellino e Brescia con 39, Cremona e Treviso con 38, Alessandria, Frosinone e Napoli con 37, Modena con 36. A fare il punto ci pensa il rapporto di Legambiente ‘Mal’aria 2021’, in edizione speciale (‘I costi dell’immobilismo’). Un documento in cui l’associazione segnala i ritardi nell’applicazione dei provvedimenti di emergenza e dei piani di risanamento dell’aria, sia da parte del Governo che delle principali Regioni italiane.

Leggi anche Restrizioni alla mobilità, lo smog fa spallucce

Secondo Legambiente il numero di città rischia di aumentare considerevolmente visto che Padova e Rovigo sfiorano il limite, registrando 35 giorni di sforamento al 6 settembre 2021, mentre Torino ne registra 34. Vicine alla soglia critica anche Asti con 33 giorni di sforamenti, Lodi e Reggio Emilia con 32, Bergamo e Caserta con 31 e Parma con 30. Si tratta – è la previsione di Legambiente – di “città che inevitabilmente supereranno i limiti nel corso dell’autunno e dell’inverno prossimi”.

Adesso, “l’Italia è davanti a un bivio: pagare una multa miliardaria per inadempienza all’Ue, stimata da 1,5 a 2,3 miliardi di euro, oppure agire efficacemente e con urgenza per ridurre l’inquinamento delle nostre città. Il nostro Paese ha infatti all’attivo tre procedure di infrazione con la commissione, in territori dove la salute dei cittadini è stata messa ripetutamente a rischio per le elevate concentrazioni degli inquinanti atmosferici. Eppure, l’Italia resta ferma, in un immobilismo che potrebbe costarci molto caro”. Non soltanto una multa da pagare, però. Perché la sanzione – viene spiegato – “potrebbe comportare il taglio di futuri fondi europei destinati all’Italia, in primis, e poi alle singole Regioni inadempienti. A questo, si rischia poi il sommarsi delle cifre relative alle procedure di infrazione in corso per altri due inquinanti: PM2,5 e NO2, le cui sentenze sono attese nei prossimi mesi”.

Adottare misure anti-smog da subito – osserva Legambiente – “potrebbe essere l’unico modo per evitare il superamento dei limiti giornalieri di polveri sottili durante l’autunno e l’inverno prossimi. Inoltre, la riduzione costante e progressiva degli inquinanti dovrà portare al loro dimezzamento (meno 55%) entro il prossimo decennio, in accordo con il Piano d’azione europeo ‘Verso l’inquinamento zero’”. I due settori che incidono maggiormente sul tasso di inquinamento in città – rileva Legambiente – sono la mobilità e il riscaldamento domestico, ma in alcune città l’inquinamento industriale o l’agricoltura hanno una notevole incidenza. Per accelerare la transizione ecologica e avviare l’Italia ‘verso l’inquinamento zero’, per l’associazione sarà “fondamentale realizzare insieme sia provvedimenti urgenti che riforme e opere strutturali“.

Leggi anche Lo smog nelle città torna ai livelli prima del Covid, Milano è già oltre

Tra le principali proposte la limitazione della circolazione dei veicoli più inquinanti, i bonus e gli incentivi rottamazione all’acquisto di auto a combustione e introdotti limiti di velocità per inquinamento su strade e autostrade; per quanto riguarda il riscaldamento, è necessario “lo stop progressivo all’uso del gasolio entro settembre 2022 nelle città inquinate“. Ed è poi “quanto mai urgente accelerare l’uscita dal carbone per le centrali termoelettriche che ricadono nelle aree oggetto delle procedure di infrazione”.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui